Solfatara sequestrata, il gip: ”Troppi rischi per i visitatori”

SULLO STESSO ARGOMENTO

 

 

Nell’ordinanza di sequestro della Solfatara di Pozzuoli disposta nell’ambito dell’inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Giuseppe Lucantonio, scaturita dalla morte di tre visitatori avvenuta il 12 settembre scorso, e’ contenuta la decisione motivata con i rischi per la sicurezza dei lavoratori e dei visitatori.
Carabinieri e polizia hanno sequestrato l’intera area, compreso il camping e la zona del bar. Nell’area di maggiore afflusso dei visitatori, pari a mille metri quadrati di estensione, e’ in atto una forte attivita’ idrotermale, acque e gas in pressione, che determina una importante disgregazione del materiale vulcanico sottostante una piccola crosta che rappresenta il fragilissimo piano di calpestio che sostiene i visitatori.
Il Documento di valutazione dei rischi (Dvr), che deve contenere tutte le procedure necessarie per l’attuazione di misure di prevenzione e protezione da realizzare, e’ stato ”redatto nel 2009, non risulta essere stato mai aggiornato e risulta inadeguato alle caratteristiche del sito”.
E’ uno degli elementi evidenziati nell’ordinanza di sequestro della Solfatara disposta oggi nell’ambito dell’inchiesta. Una decisione motivata con i rischi per la sicurezza dei lavoratori e dei visitatori. Oggi carabinieri e polizia hanno sequestrato l’intera area, compreso il camping e la zona del bar.
Nel provvedimento si sottolinea, tra l’altro, ”l’insussistenza di veri e propri percorsi-guida per i visitatori: nella zona – si legge nell’ordinanza del gip – sono presenti soltanto delle recinzioni, tra le quali la piu’ estesa e’ quella che circonda la zona centrale del cratere” ”che si presenta discontinua ed e’ costituita da pali di legno del diametro di 10 centimetri e da rete metallica”.
Inoltre la zona della Bocca Grande , nella quale insistono le fumarole di maggiori dimensioni ”non risulta assolutamente interdetta da alcuna forma di protezione: alle fumarole, pertanto, puo’ avvicinarsi chiunque anche a distanza molto ridotta dalle fonti di emissione dei gas”.
Nell’area di maggiore afflusso dei visitatori , pari a mille metri quadrati di estensione, e’ in atto – come precisa il consulente tecnico – una forte attivita’ idrotermale (acque e gas in pressione) che determina una importante disgregazione del materiale vulcanico sottostante una piccola crosta che rappresenta il fragilissimo piano di calpestio che sostiene i visitatori”. Tale area – affermano gli inquirenti – ha una pericolosita’ di crollo eguale a quella verificatasi il 12 settembre”.






LEGGI ANCHE

Avellino, i Nas chiudono struttura socio assistenziale per anziani

I carabinieri dei Nas, con la collaborazione dell'Asl di Avellino e del Consorzio dei servizi sociali di Atripalda, hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo su una struttura socio-assistenziale nel comune di San Michele di Serino, in provincia di Avellino. La struttura, priva di autorizzazione all'esercizio, è stata chiusa a seguito di un'ordinanza emessa dal sindaco e di successive indagini dei Carabinieri del Nas. All'interno della struttura sono state riscontrate gravi irregolarità igienico-sanitarie e mancanza di...

Al Teatro Serra, riflessioni sull’identità maschile oggi

**Identità Maschile nel Dramma Teatrale "C19H28O2 (o Come Avere le Palle)"** Al Teatro Serra di Napoli, la compagnia teatrale "Lidi Precari" porta in scena dal 15 al 17 marzo l'opera teatrale "C19H28O2 (o come avere le palle)", un profondo spettacolo che si interroga sull'identità maschile nel mondo odierno. Il titolo dal significato esplicito, la formula chimica del Testosterone, introduce gli spettatori in un viaggio alla scoperta di cosa significhi essere uomini oggi. Attraverso le performance...

Pomigliano, 130 anni della Camera del Lavoro di Napoli: focus sull’industria automobilistica

Primo appuntamento oggi a Pomigliano per i 130 anni dalla costituzione della Camera del Lavoro di Napoli, con l'iniziativa, "Dall'Alfa Sud a Stellantis: passato, presente e futuro del distretto industriale a Pomigliano d'Arco". "Avviamo le celebrazioni per i 130 anni della Camera del Lavoro di Napoli - ha affermato il segretario generale della Cgil Napoli e Campania, Nicola Ricci - con questa prima importante riflessione sulle politiche industriali e sulla storia dello stabilimento di Pomigliano. Negli anni...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE