Torre del Greco. Femminicidio di Mariarca Mennella: disposta dalla Procura di Venezia l’acquisizione del cellulare...

SULLO STESSO ARGOMENTO

È stata disposta dalla procura veneta l’acquisizione del cellulare della figlia 15enne, della donna e del suo assassinio nell’ ambito delle indagini relative al femminicidio “Mariarca Mennella”. “Se fai del male alla mamma finirai in prigione e non vedrai mai più né me né mio fratello”.
Lo scrive la ragazzina 15enne al padre in un messaggio prima che lui, Antonio Ascione, ammazzasse Mariarca Mennella, 38enne di Torre del Greco. Messaggi che risalgono a pochissimi giorni prima dell’ omicidio. Il motivo che avrebbe spinto la ragazzina a usare queste parole sarebbe stato l’aver appreso che, durante una discussione, suo padre avrebbe minacciato con un coltello la donna. Una prova di omicidio premeditato e di minacce che potrebbe essere determinante per comprendere lo scenario in cui è avvenuto il delitto. Per questo motivo il Pubblico Ministero, Raffaele Incardona, ha accolto la richiesta dell’avvocato di parte. La ragazza aveva così scritto a suo padre tramite Whatsapp di non farlo mai più e, avendo l’uomo negato l’accaduto, gli aveva detto di conoscere tutta la verità. Gli screenshot di queste conversazioni sono stati allegati dall’avvocato alla memoria difensiva allegate agli atti.






LEGGI ANCHE

Napoli, “Se non mi date i soldi vi uccido”, 5 studenti minacciati con un coltello da un presunto camorrista

Nella recente rapina avvenuta a Napoli, 5 studenti ventenni sono stati minacciati da un individuo mentre si preparavano a riprendere l'auto parcheggiata in via...

Marigliano, rifiuti abusivi scoperti in un’area agricola

È stato scoperto un deposito di rifiuti abusivo in un locale appartenente a una società locale, situato in un'area agricola senza concessione e in...

I piatti della Quaresima a Napoli alla trattoria e pizzeria “Ieri,Oggi, Domani”

Nel nome dei piatti della Quaresima a Napoli, la trattoria e pizzeria “Ieri,Oggi, Domani”, con il suo patron Pasquale Casillo, ha dedicato un momento...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE