Napoli, “troppi rifiuti abbandonati”, proteste dei residenti di Piazza San Domenico Maggiore

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. È diventata difficile la convivenza tra residenti e gioventù in piazza San Domenico Maggiore. Una lettera dettagliata con tanto di allegati fotografici è stata inviata dal presidente dell’ Associazione No Comment, Antonio Alfano, al Sindaco De Magistris ed Assessori. Nella missiva viene sottolineato il livello di inciviltà raggiunto dagli ultimi mesi a questa parte, i comportamenti di alcuni frequentatori stanno riducendo strade e piazze, delle vie dell’arte, in vere e proprie pattumiere a cielo aperto. E’ diventato quasi un rito, raccontano i residenti, per tanti giovani, soprattutto universitari, ritrovarsi a tarda sera ai piedi dell’obelisco, per consumare alcolici e lasciare le bottiglie vuote vengono a terra, calpestate e frantumate diventando un pericolo per i passanti. Questi rifiuti restano lì, in piazza, fino a mattina tarda ledendo l’immagine della città, considerando l’alto tasso di turisti che percorrono le vie del centro antico partenopeo.
«Vi invitiamo, – dicono – come cittadini, a trovare una soluzione in grado di impedire questo fare incivile che danneggia l’immagine della città. Come associazio- ne promuoviamo sul territorio “il senso del senso civico”, ma è difficile arginare un’inciviltà di massa come questa».






LEGGI ANCHE

Napoli, arrestato il complice del rapinatore che ferì l’ingegnere

Napoli. E' stato arrestato anche il secondo rapinatore che la sera del 29 marzo 2023 partecipò al tentato omicidio di un ingegnere che stava...

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

Voragine in via Morghen al Vomero: la strada inghiotte due auto. Ferito uno degli occupanti

Tragedia sfiorata intorno alle 5 di stamane. Evacuato un edificio

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE