Napoli, pestato a sangue con una tirapugni: grave un 20enne

SULLO STESSO ARGOMENTO

E’ caccia all’uomo che la notte scorsa ha pestato a sangue un 20enne del borgo Sant’Antonio Abate finito in ospedale con fratture multiple al cranio. L’aggressore avrebbe utilizzato un tirapugni in acciaio. La violenta colluttazione è avvenuta sabato notte all’esterno di un bar di corso Malta, alla Ferrovia. Quando la polizia è arrivata sul posto, avvertita dal alcune telefonate di cittadini, ha trovato il 20enne riverso a terra in una pozza di sangue. E’ stato soccorso e portato all’ospedale San Giovanni Bosco. I medici non hanno ancora sciolto la prognosi. Le condizioni del ragazzo sono abbastanza serie – ha riportato una triplice frattura al cranio – ma non sarebbe in pericolo di vita. Il giovane è infatti rimasto cosciente per tutta la notte, e, come riporta Il Roma,  avrebbe riferito agli investigatori di essere stato colpito da un uomo che ha indicato con tanto di nome e cognome. Ma l’uomo si è reso irreperibile.
Poi nelle ore successive al ricovero della vittima del pestaggio, all’ospedale San Giovanni Bosco si sarebbe presentato anche un secondo giovane: un 20enne che presentava una vistosa escoriazione alla mano destra. I medici del pronto soccorso della Doganella lo hanno medicato e dimesso. La polizia di Stato, messa al corrente della singolare coincidenza, è adesso alla ricerca del ragazzo, coetaneo della vittima, che potrebbe risultare coinvolto, nella rissa consumatasi al corso Malta.






LEGGI ANCHE

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE