Appalti e camorra, Mastella domani testimone a Napoli

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il sindaco di Benevento Clemente Mastella e’ atteso domani mattina al tribunale di Napoli per testimoniare nel processo “Medea”, relativo agli appalti nel settore idrico concessi dalla Regione ad aziende vicine al clan dei Casalesi. L’udienza si sarebbe dovuta celebrare ad Aversa (Caserta), dove ha sede il tribunale competente, che e’ quello di Napoli Nord, ma qui non e’ ancora stato ultimato l’impianto di video-conferenza; cosi’ sin dal suo avvio, il processo si sta celebrando al palazzo di giustizia napoletano, salvo qualche rara eccezione. Mastella, recentemente assolto con la moglie, proprio a Napoli, nel processo sulle nomine nella sanita’, e’ citato come testimone. Per l’avvocato Francesco Picca, che difende l’ex senatore Udeur Tommaso Barbato, ex compagno di partito di Mastella, arrestato nel blitz da cui e’ nato il processo per il suo ruolo di funzionario regionale del settore acque, la testimonianza di Mastella e’ considerata fondamentale da Picca per scagionare l’ex parlamentare, diventato famoso per lo sputo rifilato al senatore Nuccio Cusumano in occasione della mozione di sfiducia al governo Prodi, nel febbraio 2008. Il sindaco del capoluogo sannita doveva gia’ venire a testimoniare nell’udienza del 12 luglio scorso ma rinuncio’ inviando formale giustifica al legale di Barbato.







LEGGI ANCHE

Traffico illegale di rifiuti tra Campania e Tunisia: scattano gli arresti

Un'operazione coordinata dalla Procura di Potenza ha portato alla scoperta di un traffico illegale di rifiuti speciali tra Campania e Tunisia. Circa 80 militari del gruppo Carabinieri per la tutela ambientale e la sicurezza energetica di Napoli, insieme al personale della Dia-Direzione investigativa antimafia, stanno attuando misure cautelari personali e patrimoniali nelle province di Napoli, Salerno, Potenza e Catanzaro. .

Camorra, 50 anni di carcere per il racket del pane ai nuovi Lo Russo di Miano

I nuovi capi del clan Lo Russo di Miano, accusati di estorsione aggravata, per il cosiddetto racket del pane hanno incassato 50 anni di carcere. Lee condanne hanno riguardato Salvatore Di Vaio, 48 anni, detto "Totore o' Cavallo",  Alessandro Festa, 24 anni, Cosimo Napoleone, 33 anni, Fabio Pecoraro, 26 anni, Giovanni Perfetto, 59 anni, detto "o' mostr ("il mostro", ndr) e Raffaele Petriccione, 25 anni, detto "Raffaele o' pazz" sono stati condannati a 7 an...

Oroscopo di oggi 24 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 24 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno Ariete: oggi potresti sentirti particolarmente energico e determinato a raggiungere i tuoi obiettivi. È il momento ideale per mettere in pratica le tue idee e per concentrarti sulle tue passioni. Toro: potresti sentirti un po' confuso riguardo alle tue priorità e ai tuoi obiettivi. È importante prenderti del tempo per riflettere e per capire cosa è veramente importante per te. Gemelli: oggi potresti essere...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE