Alfa Romeo cambia il nome del suo SUV elettrico Milano e diventa Junior

SULLO STESSO ARGOMENTO

A seguito di un rilevante cambiamento, per quanto riguarda il nome del suo B-SUV, l’Alfa Romeo di Arese ha ufficialmente adottato “Junior” al posto di “Milano”. Questa decisione è stata presa a soli cinque giorni dalla sua presentazione, avvenuta il 10 aprile scorso.

La controversia nata con il governo dopo l’annuncio della creazione del veicolo ha giocato un ruolo fondamentale in questa decisione. Il Ministro del Made in Italy, Urso, ha sottolineato che “un’auto chiamata Milano non può essere realizzata in Polonia”.

Critica del governo e legge Italian Sounding

Le argomentazioni del ministro si basano sulla legge che nel 2003 ha introdotto l’Italian Sounding, una specifica che vieta di fornire indicazioni fuorvianti al consumatore. Essendo la Alfa Romeo Milano prodotta in Polonia, il ministro Urso ha sostenuto che ciò poteva ingannare i clienti facendo loro pensare che la vettura fosse realizzata in Italia. Questa legge mira a combattere la diffusione di prodotti che si pretendono essere “italiani”, ma che fino ad ora non era mai stata effettivamente applicata a un veicolo.

    La risposta di Stellantis e l’adozione del nuovo nome

    Per evitare dubbi, i leader di Stellantis hanno scelto di cambiare il nome da Milano a Junior. In una dichiarazione rilasciata ieri, hanno esplicitato: “Pur ritenendo che il nome Milano rispetti tutte le disposizioni di legge, e dato che ci sono questioni più rilevanti in corso, Alfa Romeo ha deciso di cambiare il nome in Alfa Romeo Junior, con l’obiettivo di promuovere un clima di tranquillità e relax”.

    Il punto di vista del CEO di Alfa Romeo, Jean-Philippe Imparato

    Imparato, il CEO di Alfa Romeo, ha affermato che la “scelta del nuovo nome Alfa Romeo Junior è perfettamente logica, data la sua stretta connessione con la storia del brand. Tra i vari nomi considerati, era uno dei favoriti del pubblico”.

    Ha dichiarato che la decisione del cambiamento è stata presa, Nonostante non ci fosse alcun obbligo legale, per preservare “l’emozione positiva generata dai nostri prodotti e per evitare qualsiasi controversia”.

    La decisione del manager e la risposta del Ministro Urso

    Imparato ha quindi reso noto che “nessuno venerdì mi ha detto di cambiare il nome ma quando respiri un certo tipo di attitudine, devi farlo. Non abbiamo intenzione di pagare multe, i soldi dell’azienda sono troppo preziosi, non voglio pagare per il diritto di importare auto e non voglio vedere le mie auto bloccate, quindi cambio nome universalmente”.

    L’intervento del Ministro Urso è stato immediato, considerando il cambiamento una “buona notizia”. Al 15 aprile, durante la celebrazione della giornata del Made in Italy, ha affermato: “Credo che possa valorizzare il lavoro e l’impresa italiana, aiutandoci a invertire la tendenza anche sul fronte della produzione automobilistica nel nostro Paese”, ha concluso il rappresentante del governo Meloni.

    Infine, è opportuno ricordare che il nome Milano ha avuto un precedente difficile con Alfa Romeo. Era stato selezionato per la Giulietta, ma è stato cambiato poco prima della sua presentazione, in seguito alla chiusura dello storico stabilimento di Arese.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Napoli, ingegnere ex pentito ucciso, Petrucci si difende e accusa il killer: “Ha fatto tutto da solo”

    Napoli. Si è difeso accusando il killer che potrebbe aver fatto tutto da solo e con motivazioni personali. Ma le prove a carico dell'imprenditore napoletano Gennaro Petrucci in carcere perché ritenuto il mandante dell'omicidio dell'ingegnere Salvatore Coppola, ex collaboratore di giustizia con legami con i clan della zona orientale...

    Arriva il caldo e ripartono i bollettini del ministero della salute sulle ondate di calore

    Riparte l'attività estiva del Piano Caldo, un'iniziativa finalizzata a prevenire gli effetti negativi del caldo sulla salute, soprattutto nelle persone più fragili. Secondo quanto riportato sul portale del Ministero della Salute, il programma prevede la pubblicazione giornaliera di un bollettino specifico sulle ondate di calore per ogni città, che viene...

    CRONACA NAPOLI