Videogame, gioco online ed e-Sport: la situazione in Campania

Uno dei fenomeni economici e culturali del momento è sicuramente rappresentato dall’esplosione a livello mondiale dei videogame e degli e-Sport che, partiti come fenomeno di nicchia, oggi sono uno dei motori trainanti dell’universo dell’intrattenimento. Quest’oggi, pertanto, andremo a scoprire qual è la situazione di questo mondo all’interno della nostra Regione cercando, da una parte, di comprendere le ragioni del successo del mondo del gioco, e dall’altra di delineare i possibili scenari che andremo a vivere nei prossimi anni.

                                                                  

La Campania è tra le regioni più evolute in termini di e-Sport

Sono diversi anni che la Campania è tra le Regioni più evolute in Italia in termini di videogame ed e-Sport. Gran parte del merito di questo successo è sicuramente attribuibile al Comicon, la fiera a tema che ogni anno si tiene a Napoli e attrae decine di migliaia di appassionati di fumetti, anime e videogiochi provenienti da ogni parte del Bel Paese e del mondo. Non è un caso, pertanto, che nel capoluogo campano siano presenti alcune delle associazioni a tema gaming con il maggior numero di iscritti in Italia, con numerose squadre di gaming professionistiche che gareggiano quotidianamente nei tornei. A certificare la crescita dell’interesse nei confronti del mondo del gaming, poi, c’è che la Società Calcio Napoli ha da poco ufficializzato una partnership con Call of Duty, uno dei giochi più conosciuti e praticati al mondo e che ha scelto proprio la squadra campana per siglare il proprio esordio all’interno del mondo del calcio.

La nuova frontiera del gioco è online

Call of Duty è un gioco sparatutto che ha avuto enorme successo grazie alla modalità online, la quale consente a decine di giocatori di partecipare in contemporanea alla stessa sessione di gioco. Il gioco online è ormai uno dei fenomeni del momento all’interno del mondo dell’intrattenimento e uno dei giochi più praticati è il poker che da qualche anno corre a una velocità sorprendente grazie a internet. In passato molti addetti ai lavori si sono chiesti se il poker in effetti possa essere considerato un e-Sport oppure no, ma ormai tutti sono concordi nell’inserirlo all’interno di questa categoria. I motivi sono molteplici ma principalmente rinvenibili nel fatto che per giocare a poker a livello agonistico sono richieste abilità fisiche e di concentrazioni fuori dal comune, tant’è che la stragrande maggioranza dei giocatori professionisti ha deciso di dedicarsi con insistenza anche ai tanti tornei online che si giocano quotidianamente sui vari portali abilitati.

Come sta cambiando il rapporto con il gioco negli ultimi anni

Ma com’è cambiato il mondo del gioco negli ultimi anni? E quali sono stati i fattori che hanno fatto sì che questo mondo crescesse con una costanza invidiabile? Gran parte del successo del gioco online è attribuibile agli smartphone che ormai sono delle vere e proprie console e che consentono agli utenti di intrattenersi con un gioco in ogni momento della giornata e per il tempo che preferiscono. Secondo i dati forniti dall’AESVI, l’agenzia italiana che monitora l’universo del gaming, oggi più di 15 milioni di persone si intrattengono con un videogame e, di questi, più delle metà lo fa da smartphone. Non è un caso, pertanto, che sempre più aziende attive in questo campo si stiano specializzando in videogame per device mobili e che, allo stesso tempo, le aziende produttrici di smartphone strizzino l’occhio con sempre maggiore insistenza agli appassionati di videogame.

L’esempio più significativo in tal senso è dato dall’ASUS che da più di cinque anni si sta dedicando a smartphone con componentistiche pensate appositamente per il gaming. L’ASUS Rog Phone è stato il primo, vero, smartphone ideato per i gamer, segnando un solco profondo con il passato e delineando il futuro. Anche aziende più popolari come Samsung, Nokia e Apple negli ultimi anni stanno guardando con grande attenzione a questo universo che è in continua e costante crescita e che, soprattutto, si sta rivelando come uno dei più proficui a livello mondiale.

LEGGI ANCHE

Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

Camorra, chiusi i centri scommesse del clan D’Alessandro: 7 arresti

Castellammare. Duro colpo all'economia illegale del clan D'Alessandro. Arrestati 7 affiliati e prestanomi della potente cosca camorristica che ha il suo quartier generale nel...

IN PRIMO PIANO

LE ALTRE NOTIZIE