‘Capolavoro’, le confessioni di un influencer: al Teatro Serra dal 19 al 21 gennaio

SULLO STESSO ARGOMENTO

Con Enrico Disegni, testo e regia di Gennaro Esposito.

Dal 19 al 21 gennaio, a Fuorigrotta, in Via Diocleziano 316.
Per informazioni: teatroserra@gmail.com, 347.8051793.

Le confessioni di un influencer al tempo dei social. Con “Capolavoro” il Teatro Serra di Napoli, ospita un’abrasiva riflessione sulla contemporaneità. Scritto e diretto da Gennaro Esposito, con Enrico Disegni. Voce Pasquale Aprile, disegno luci Tommaso Vitiello, foto di scena Antonio de Stefano.

    In scena venerdì 19, alle 21:00, sabato 20, alle 19:00 e domenica 21 gennaio, alle 18:00 nello spazio teatrale di Fuorigrotta, in Via Diocleziano 316. Info: teatroserra@gmail.com, 347.8051793.

    “In futuro ognuno sarà famoso per quindici minuti” diceva Andy Warhol nel 1968. Una profezia che sembra essersi avverata nell’era dei social media e della realtà Aumentata e Virtuale. A un passo dalla rottamazione esistenziale e materiale, ad opera dall’Intelligenza Artificiale. Questioni sulle quali riflettere prendendo a pretesto il fenomeno, ancora in larga misura umano, ma fortemente mediato dalla tecnologia e dagli studi sulla comunicazione, degli influencers.

    Il protagonista della storia è “Effe” un influencer dei giorni nostri che, per festeggiare il raggiungimento del milione di iscritti al proprio canale, decide di realizzare una diretta diversa dalle altre, durante la quale raccontare la propria scalata al successo, rivelando dettagli sempre taciuti del proprio passato e promettendo ai followers, di mostrare loro il suo ultimo lavoro, il suo “Capolavoro”.

    “Con questo spettacolo, ho provato a riflettere sull’idea di guadagno facile, vera e onnipresente mania, sulla trasformazione dei suoi trovatori e sul loro modus operandi nell’era dei social – spiega Gennaro Esposito, autore e regista – Ogni giorno, tutti quanti, assistiamo alle vite perfette, lussuose, avventurose degli altri mentre portiamo avanti le nostre piccole esistenze e i nostri lavori precari. Quale meccanismo scatta nella maggior parte delle persone? Qual è la reazione di pancia del popolo quando vede qualcun altro vivere “il migliore dei mondi possibili” al suo posto?”.

    Raccontando la trasformazione di uno che ce l’ha fatta, di chi è passato da spettatore a spettacolo, si cerca di mostrare tutte le fasi dietro l’ascesa di un content creator, ma con l’obiettivo puntato sulla vita dietro la camera, su ciò che non si vede e non si sa. Sul prezzo della fama ad ogni costo, fosse anche solo per quindici minuti.

    “Capolavoro”
    con Enrico Disegni
    testo e regia Gennaro Esposito
    partecipazione in voce Pasquale Aprile
    disegno luci Tommaso Vitiello
    fotografo di scena Antonio de Stefano

    Venerdì 19 gennaio 2024, ore 21:00
    Sabato 20 gennaio 2024, ore 19:00
    Domenica 21 gennaio 2024, ore 18:00



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Napoli, aggressioni e furti a Chiaia: 7 arresti

    Quattro sono gli autori della tentata rapina e aggressione al Flanagan's di Chiaia dell'agosto scorso

    Sequestro preventivo di 49.800 euro a Castel Volturno: barbiere finto per ottenere il bonus del “Decreto Rilancio&...

    Nell'ambito di un'indagine diretta dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, la Guardia di Finanza di Frattamaggiore ha eseguito un sequestro preventivo di 49.800...

    Casalnuovo, ‘Una Città Che Scrive’ dedica la nona edizione del Premio Letterario a Giulia Cecchettin

    L'ideatore del premio, Giovanni Nappi, ha sottolineato che questa edizione rappresenta un forte e chiaro messaggio contro la violenza sulle donne. Il bando per il...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE