Camorra, imprenditore coraggio denuncia e fa arrestare 5 esattori del pizzo del clan Di Lauro

SULLO STESSO ARGOMENTO

Arzano. Il clan Di Lauro afferma di essere proprietario del suo bar, la vittima paga le cambiali. Per liberarsi dal tormento, paga 100mila euro in contanti.

Cinque persone sono state arrestate dai Carabinieri di Casoria e ROS su delega del Procuratore della Repubblica di Napoli. L’operazione è stata condotta nell’ambito di un’indagine diretta e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli.

L’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli nei confronti di cinque indagati (tre dei quali erano già detenuti per altre cause), gravemente indiziati di estorsione aggravata dal metodo mafioso.

    Le indagini, condotte dalla Tenenza dei Carabinieri di Arzano nel novembre 2023, sono partite dalla denuncia di un commerciante di Arzano che ha dichiarato di essere vittima di estorsione da parte di tre membri del clan Di Lauro di Secondigliano, noti a lui, dall’ottobre 2020.

    L’imprenditore, dopo aver rifiutato di cedere il suo bar al clan Di Lauro, è stato costretto a pagare loro 70.000 euro in rate mensili di 1.000 euro, garantite da cambiali sottoscritte e consegnate ai rei. Ad ogni pagamento di una rata, veniva restituita una cambiale che fungeva da garanzia per il pagamento stesso.

    Questo è andato avanti fino a luglio 2022, quando l’uomo ha deciso di cedere l’attività nella speranza che l’estorsione cessasse. Ma non è successo. Infatti, nel gennaio 2023, quando ha aperto un altro bar in un’altra zona di Arzano, gli estorsori sono tornati minacciandolo di morte e chiedendo nuovamente la quota estorsiva.

    Quello che è stato denunciato alla Tenenza Carabinieri di Arzano rappresenta solo una parte della storia. Infatti, la vittima, durante l’interrogatorio con il pubblico ministero della Direzione distrettuale antimafia partenopea, ha rivelato che il clan Di Lauro gli aveva imposto di pagare somme a titolo di estorsione già a partire dal 2018, poiché la famiglia camorristica riteneva di essere proprietaria della sua attività.

    Il pentito Salvatore Rosselli ha confermato l’ipotesi investigativa

    Effettivamente, i militari del ROS di Napoli hanno verificato che la vittima aveva pagato 100.000 euro in contanti ai Di Lauro all’inizio del 2019 per far cessare ogni loro pretesa, sebbene priva di titolo, sulla sua attività commerciale.

    Alcune dichiarazioni del collaboratore di giustizia Salvatore Roselli, membro del clan Amato-Pagano, hanno ulteriormente confermato i fatti. Gli arrestati odierni, coinvolti in due diversi episodi di estorsione, sono considerati affiliati al clan Di Lauro di Secondigliano.

    @riproduzione riservata

     



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Estrazioni del Lotto e numeri vincenti 10eLotto del 20 febbraio

    Ecco le estrazioni del Lotto di oggi 20 febbraio: BARI 04 76 81 14 49 CAGLIARI 12 25 58 47 72 FIRENZE 44 47 11 34 32 GENOVA...

    Aversa, tentano di rubare la marmitta dal furgone delle Poste: arrestati 2 napoletani

    Nella giornata del 15 febbraio 2024, la Polizia Ferroviaria di Aversa ha eseguito un'ordinanza di arresti domiciliari emessa dal GIP del Tribunale di Napoli...

    Aversa: la cantante neomelodica Fabiana incontra gli studenti per parlare di amore e del suo controverso successo

    La cantante neomelodica Fabiana, al centro di una polemica nazionale per la canzone "Malessere" che inneggia all'uomo geloso e prepotente, parlerà di amore con...

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE