L'INTERVISTA

Montervino: “Garcia? Peggio di così non poteva. Ma ora può morire con le sue idee”

SULLO STESSO ARGOMENTO

A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Francesco Montervino, direttore sportivo del Casarano ex calciatore del Napoli. Di seguito, un estratto dell’intervista, che si è incentrata in particolar modo sul momento dei partenopei.

PUBBLICITA

Se, oggi, fosse Mauro Meluso e dovesse spiegare alla squadra che non è stato preso l’allenatore di cui si è vociferato negli ultimi giorni e che andrà garantita fiducia a Garcia, come farebbe? “Direi che il presidente non ha mai cercato nessuno. Sono sicuro che, però, che Meluso sappia perfettamente cosa fare. Non c’è da dare un alibi ai ragazzi ed il dirigente azzurro non lo farà”.

Dovranno essere i calciatori a dimostrare supporto verso il mister? “A Napoli si sta vivendo qualcosa di strano… Nessuno si sarebbe aspettato, dopo il tricolore, il casino di queste settimane. Tuttavia, i calciatori sono pagati per dare il massimo con quanto la società mette a disposizione. Il presidente, dal suo canto, è tenuto invece a curare anche gli umori dei calciatori. Mi aspetto, dunque, che De Laurentiis chiami i senatori dello spogliatoio e ribadisca la sua fiducia per il prosieguo della stagione. Il Napoli, d’altronde, ne ha le potenzialità”.

Cosa dovrà fare Garcia per far ricredere piazza e giocatori? “Dirò la verità, per Garcia, oggi, si è creata la situazione migliore. Peggio di così non si poteva fare e, addirittura, il presidente ha dimostrato di essere pronto a sostituirlo. Essendo stato scaricato da tutti, il tecnico è legittimato a fare tutto quel che vuole. Potrebbe anche pensare ‘sapete cosa c’è di nuovo? Morirò con le mie idee, se proprio devo!’ Si è creata la situazione peggiore per il Napoli anche se, ora, la responsabilità è proprio dei giocatori. Sono loro a dover applicare, anche a malincuore, quel che l’allenatore richiede. È una dinamica che può responsabilizzare tutti e, forse, ne può conseguire il meglio”.

Garcia ha davvero tempo fino a novembre? “Oggi, diventa difficile dire qual è la cosa giusta da fare. Mi sembra di capire che non si opterà per un esonero sino alla prossima sosta. Conte, se non è stato convinto fino ad ora, è difficile che si convinca in futuro. Non so perché, ma alla fine credo che si continuerà con Garcia che, arrivando tra le prime quattro, potrà consegnare la panchina a Vincenzo Italiano, a maggio. Sono un fatalista, tutto è accaduto dopo la Fiorentina proprio di Italiano. Se il tecnico viola non è arrivato è soltanto per una questione di rispetto verso Commisso”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




Kira pubblica il suo ultimo singolo intitolato "Per non sentirti sola", una canzone che nasce da una profonda esperienza personale e affronta tematiche universali legate alla perdita e al processo di lasciar andare. La canzone trae ispirazione da una storia personale di Kira e offre...

Prossima Partita

Classifica

IN PRIMO PIANO

Ultime Notizie

Buone notizie in casa Napoli: Kvaratskhelia e Juan Jesus in gruppo

Il Napoli riceve buone notizie dall'infermeria in vista dell'importante anticipo in casa contro l'Empoli, con il tecnico Calzona che può contare sul ritorno di alcuni giocatori chiave. Dopo aver trascorso una giornata di riposo a causa di una gastroenterite, Kvaratskhelia è tornato a lavorare in gruppo con i suoi compagni, segnando così un passo positivo verso il pieno recupero. Anche...