San Valentino Torio, incidente sull’A30: muore anche il piccolo Mourad, era fratellino di Jemila

SULLO STESSO ARGOMENTO

È morto anche Mourad, il bambino di 8 anni di San Valentino Torio, rimasto ferito nell’incidente di domenica scorsa sull’A30, a pochi metri dallo svincolo di Mercato San Severino nel corso del quale sono morti la sorella e il fidanzata.

Il piccolo era ricoverato in gravissime condizioni a causa di un forte ematoma che i sanitari hanno provato a fermare. Il piccolo era ricoverato in rianimazione al Ruggi. È la terza vittima dopo la sorella 15enne Jemila e il suo fidanzatino Rosario.

All’ospedale del Mare di Napoli si trova invece Giusy Ruocco Sorrentino, 42enne madre di Jemila e di Mourad. La donna non sarebbe in pericolo di vita ma le sue condizioni sono monitorate, in ragione di un trauma cranico facciale complesso con fratture multiple e una serie di ferite lacero contuse. Sta bene il 34enne Hedi, padre di due delle tre vittime, che era alla guida della vettura.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

I piatti della Quaresima a Napoli alla trattoria e pizzeria “Ieri,Oggi, Domani”

Nel nome dei piatti della Quaresima a Napoli, la trattoria e pizzeria “Ieri,Oggi, Domani”, con il suo patron Pasquale Casillo, ha dedicato un momento...

Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

Napoli, “Se non mi date i soldi vi uccido”, 5 studenti minacciati con un coltello da un presunto camorrista

Nella recente rapina avvenuta a Napoli, 5 studenti ventenni sono stati minacciati da un individuo mentre si preparavano a riprendere l'auto parcheggiata in via...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE