🔴 ULTIME NOTIZIE :

Real Polverificio Borbonico, incontro con il Commissario prefettizio di Scafati

La gestione e valorizzazione del Complesso e del Parco del Real Polverificio Borbonico di Scafati sono tra gli interventi che il Parco archeologico di Pompei che ha competenza sull’area, sta mettendo in campo già dal 2019, e che sono stati oggetto anche dell’incontro di questa mattina tra il Prefetto...

La Cassazione conferma 22 condanne per oltre 250 anni per il clan Piccolo-Letizia

Ventidue condanne per oltre 250 anni di carcere complessivi sono state decise dalla Corte di Cassazione nel processo a vertici e gregari del clan camorristico Piccolo-Letizia di Marcianise.

clan Piccolo-Letizia

    La Cassazione conferma 22 condanne per oltre 250 anni per il clan Piccolo-Letizia.

    Ventidue condanne per oltre 250 anni di carcere complessivi sono state decise dalla Corte di Cassazione nel processo a vertici e gregari del clan camorristico Piccolo-Letizia di Marcianise.

    Un clan protagonista a fine anni novanta di una sanguinosa faida costata decine di morti con l’altra cosca rivale di Marcianise, i Belforte noti come «mazzacane».

    I Piccolo-Letizia uscirono sconfitti dallo scontro armato, ma gli arresti e i pentimenti nel clan rivale diedero loro nuovo spazio di manovra, e dopo il 2005 hanno proseguito la loro attività illecita, fatta soprattutto di estorsioni ai commercianti e di infiltrazione nei più svariati settori economici (rivendita di autovetture, edilizia, onoranze funebri, smaltimento di rifiuti, supermercati, abbigliamento, pet food).

    Alla fine i Piccolo-Letizia si sono alleati con gli stessi Belforte. Nel 2019 il blitz della Polizia di Stato coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, che ha portato in carcere decine di componenti del clan Piccolo-Letizia per reati di associazione camorristica, estorsione e altre fattispecie.

    Nei primi due gradi di giudizio i 22 imputati erano già stati tutti condannati con alte pene carcerarie, che la Corte di Cassazione ha confermato, applicando in alcuni casi la continuazione, che comprende altre condanne per fatti simili, per cui la pena base è aumentata.

    Per l’elemento di spicco del clan Andrea Letizia i giudici hanno ricalcolato la pena di appello e disposto 20 anni, che con la continuazione sono arrivati a 30 di detenzione. Condannati anche Antonio Letizia (20 anni), Giuseppe Letizia (6 anni e 8 mesi), il collaboratore di giustizia Primo Letizia (6 anni e 4 mesi),

    Achille Piccolo (20 anni), Angelo Piccolo (6 anni e 8 mesi), Domenico Piccolo (6 anni), Francesco Piccolo (13 anni e 4 mesi in continuazione con pena complessiva di 16 anni e 4 mesi), Pasquale Piccolo (20 anni in continuazione con pena complessiva a 27 anni e 6 mesi), Giovanni Perreca (20 anni), Palma Bellopede Piccolo (6 anni e 8 mesi).

    Iscriviti alla Newsletter

    Ogni mattina le ultime notizie nella tua posta elettronica

    "'Putroppo l'aborto e' un diritto', si' ma non l'ho detto io, l'ha detto un ministro. A volte anch'io sparo cazzate ai quattro venti ma non lo faccio a spese dei contribuenti". Cosi' Fedez nel brano cantato a Sanremo sembra fare riferimento alle dichiarazioni del ministro delle Pari opportunita' Eugenia Roccella. "Se va a Sanremo Rosa Chemical scoppia la lite, forse è meglio il viceministro vestito da Hitler, purtroppo l'aborto è un diritto ma non l'ho detto io l'ha detto un ministro (Eugenia Roccella, ndr)". Faranno discutere le parole del brano di Fedez, ospite dalla Costa Smeralda al Festival di Sanremo, che al...
    Maltempo estremo questo giovedì 9 febbraio 2023 al Sud e parte del settore adriatico, almeno fino a domani, poi nel weekend tornerà il sole ed il caldo su tutta l'Italia. Un uragano mediterraneo, o Medicane dalla sintesi delle parole MEDIterranean hurriCANE, sta infatti per colpire la Sicilia e non solo. In arrivo venti di tempesta, piogge torrenziali e nevicate storiche, in particolare tra il settore orientale dell'isola e la bassa Calabria. I meteorologi confermano che la struttura ciclonica spaventa parte del Sud e che potrebbe portare disagi fin sulla Sardegna orientale. Si tratta di un ciclone in risalita dalla Tunisia con...

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche