Minacce al sindaco di Sant’Agnello, manichino impiccato con il suo nome

Minacce al sindaco di Sant’Agnello, manichino impiccato con il suo nome e la scritta: “Sagristani, questa è la fine che farai”. Il destinatario della minaccia è Piergiorgio Sagristani, sindaco di Sant’Agnello (Napoli), piccolo comune della Penisola sorrentina alle porte di Sorrento. Il manichino è stato esposto questa mattina in località Colli di Fontanelle da parte di […]

google news

Minacce al sindaco di Sant’Agnello, manichino impiccato con il suo nome e la scritta: “Sagristani, questa è la fine che farai”.

Il destinatario della minaccia è Piergiorgio Sagristani, sindaco di Sant’Agnello (Napoli), piccolo comune della Penisola sorrentina alle porte di Sorrento. Il manichino è stato esposto questa mattina in località Colli di Fontanelle da parte di qualcuno che lo stesso Sagristani definisce “esagitato o isterico burlone”.

Sagristani, sindaco di Sant’Agnello al secondo mandato consecutivo (nel 2018 è stato rieletto con il 79,3%), assicura: “Se l’obiettivo era quello di screditarmi, non è riuscito. Ho ricevuto decine di telefonate di solidarietà, anzitutto dai residenti nella frazione dei Colli, a conferma che non è opera di chi vive ai Colli, dove da sempre mi sento a casa mia. Ne’ tantomeno di intimorirmi: ci vuole ben altro. Comunque, ho avvertito le forze dell’ordine che stanno verificando, anche con l’uso della videosorveglianza, l’accaduto ed i profili di responsabilità che potrebbero emergere”.

Secondo Sagristani “forse a qualcuno dà fastidio il mio attivismo politico in questa campagna elettorale e, magari, anche la mia leadership sul territorio negli ultimi 20 anni. Si devono rassegnare, ci sarò fino a quando i cittadini lo vorranno. In un paese libero ognuno ha il diritto di esprimere le proprie opinioni e di combattere civilmente le proprie battaglie. Sono poi le elezioni a stabilire chi deve amministrare. E chi vuole, presenti persone e proposte credibili, invece, di provare a trasformare una comunità civile ed ordinata, in un sobborgo invivibile. Continuerò fino all’ultimo giorno del mio mandato a fare il mio dovere di amministratore pubblico, stando vicino ai cittadini di Sant’Agnello e della Penisola Sorrentina”, conclude Sagristani.

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Rispondi

Leggi anche

Narcos del clan Licciardi catturato in Germania

Il 51enne Sergio Nappa legato al clan Licciardi - Di Buono era ricercato dal 2014

Maltempo a Caserta, allagata la galleria della Reggia

Chiuso temporaneamente il tratto della SS700 "della Reggia di Caserta" dal km 8,700 al km 10,500

Oroscopo oggi, previsioni segno per segno. Bilancia fortunati oggi

Le previsioni dello zodiaco per il 27 settembre

Aversa, discarica in area mercato: scatta il sequestro

Blitz della Polizia Municipale ad Aversa in Terra dei Fuochi

IN PRIMO PIANO

Pubblicita