Panettiere ucciso, il fratello: “Non era Ciro il mostro”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Panettiere ucciso. Parla Luigi Palmieri, fratello di Ciro: “Mia cognata Monica mi diceva se n’e’ andato. Non era lui il mostro”.

“Lei mi diceva: se n’e’ andato, non e’ tornato, sono venuti a prenderlo delle persone di un brutto giro. Penso che il mostro non sia mio fratello”. E’ quanto ha affermato al Tg3 Luca Palmieri, fratello del 43enne Ciro, il panetterie di Giffoni Valle Piana  massacrato, secondo l’accusa, dalla moglie Monica Milite, dal figlio Massimiliano e da un altro figlio di 15 anni.

Alla base del delitto potrebbe esserci un quadro di violenze domestiche perpetrato per anni dal 43enne nei confronti della moglie. “Non giustifico e non ammetto le violenze, ma arrivare da uno schiaffo ad una atrocita’ del genere… Io penso che il mostro non sia mio fratello”, ha concluso.


    Intanto si arricchisce di nuovi elementi l’inchiesta sull’omicidio di Ciro Palmieri. Gli investigatori stanno ricostruendo il contesto familiare nel quale e’ maturato l’agghiacciante delitto commesso a Giffoni Valle Piana, nel Salernitano. E il sospetto, basato su una serie di testimonianze ed indizi, e’ che alla base di tutto possa esserci una condizione di disagio e violenze.

    luca palmieri

    In particolare, sette anni fa Monica Milite denuncio’ per maltrattamenti il marito ma, da quanto si apprende, poi avrebbe ritrattato quelle accuse. Probabile, pero’, che quei problemi familiari non siano mai stati superati del tutto e che la situazione sia tragicamente precipitata nel pomeriggio del 29 luglio.

    Le immagini registrate dalle telecamere di video sorveglianza hanno immortalato la lite scoppiata nell’abitazione di via Marano e, soprattutto, la reazione d’impeto avuta prima dalla moglie e poi dai figli che hanno colpito con piu’ coltelli il 43enne, fino ad ucciderlo. Ciro aveva lanciato una lattina contro la moglie che ha reagito colpendolo violentemente con una scopa e poi infierendo sull’uomo tramortito a coltellate insieme con i due figli.

    Panettiere ucciso, il figlio undicenne affidato ai servizi sociali

    Non sono stati ancora fissati gli interrogatori di garanzia dei tre indagati per l’omicidio di Ciro Palmieri, il 43enne salernitano massacrato a Giffoni Valle Piana. Ieri pomeriggio il figlio 15enne, assistito dall’avvocato Damiano Cantalupo, e’ stato ascoltato dal procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Salerno.

    Adesso si attende la fissazione dell’interrogatorio dinanzi al gip. Successivamente si provvedera’ ad ascoltare la mamma Monica Milite ed il fratello ventenne Massimiliano che nelle prossime ore potrebbero avere un primo incontro con il loro legale di fiducia. I tre sono ritenuti responsabili di omicidio volontario aggravato anche dalla crudelta’ dell’azione e di occultamento di cadavere.

    E’ stato affidato ai servizi sociali, invece, il figlio 11enne che era in casa al momento dell’omicidio e, come si evince dalle immagini delle telecamere di video sorveglianza, ha assistito a tutto. E’ rientrato a Giffoni Valle Piana pure il primogenito di Ciro Palmieri e Monica Milite che lavora al Nord e a cui, adesso, spettera’ il compito di seguire l’evoluzione di questa drammatica vicenda.

    Panettiere ucciso, tre coltelli in una buca in giardino

    Dopo aver ucciso Ciro Palmieri, hanno abbandonato il cadavere in un dirupo e sotterrato le armi del delitto in un giardino poco distante dalla loro abitazione. Emergono nuovi elementi dall’inchiesta sull’omicidio del panettiere 43enne, ucciso a Giffoni Valle Piana dalla moglie Monica Milite, dal figlio ventenne Massimiliano e da un altro figlio di 15 anni.

    I carabinieri della stazione di Giffoni Valle Piana, guidati dal capitano Graziano Maddalena, hanno recuperato e sequestrato i tre coltelli utilizzati per uccidere Palmieri. Le armi erano state sotterrate in un giardino che si trova poco distante dall’abitazione di via Marano. Quando i militari gli hanno notificato il provvedimento di fermo, gli indagati hanno avuto un atteggiamento collaborativo che ha permesso di ritrovare sia le armi del delitto che il cadavere di Palmieri.

    Secondo la ricostruzione degli investigatori l’omicidio e’ avvenuto nel pomeriggio del 29 luglio, al culmine di una lite familiare. Dopo avere colpito l’uomo con diverse coltellate, la madre ed i due figli gli hanno anche amputato una gamba, probabilmente per trasportare ed occultare meglio il cadavere.

    Poi nel corso della notte si sono disfatti del corpo, abbandonandolo in un dirupo lungo la strada provinciale 25, tra Giffoni Valle Piana e Serino, in provincia di Avellino. La sera del 30 luglio la moglie di Palmieri si e’ presentata ai carabinieri della locale stazione per denunciarne la scomparsa. In seguito se n’e’ occupato anche “Chi l’ha visto?”. 

    (nella foto i carabinieri che presidiano la casa dell’orrore a Giffoni e nei riquadri a partire da sinistra la vittima Ciro Palmieri, la moglie Monica Milite e il figlio Massimiliano)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Giuseppe Del Gaudio


    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui



    LEGGI ANCHE

    Jerry Calà: “Mi trasferirò a Napoli, è amore”

    Jerry Calà, 72 anni, è innamorato di Napoli. L'attore lo ha rivelato in una telefonata a sorpresa a Rtl102.5, durante il programma condotto da...

    IN PRIMO PIANO