Pianura, i familiari riconoscono il cadavere di Andrea Covelli

SULLO STESSO ARGOMENTO

E’ stato riconosciuto dai familiari Andrea Covelli l’uomo trovato morto in via Pignatiello, a Napoli, nel quartiere di Pianura.

Si tratta del giovane di 27 anni scomparso il 29 giugno scorso. Sui social congiunti ed amici del giovane esprimono il cordoglio per la scomparsa del ragazzo. Il corpo e’ stato scoperto nell’area boschiva de La Selva, dove peraltro una telefonata anonima giunta qualche giorno prima ai familiari aveva annunciato la presenza del cadavere.

Il giovane sarebbe stato ucciso a colpi d’arma da fuoco. Le condizioni del corpo non hanno consentito ancora un riconoscimento definitivo del cadavere che avverra’ nelle prossime ore anche se la famiglia si e’ mostrata particolarmente sicura sull’identita’ del corpo, dando l’annuncio sui social.

    La famiglia aveva organizzato una manifestazione per sollecitare le ricerche del giovane. La mamma aveva raccontato che il figlio stava guardando il cellulare, vicino al suo scooter. Si sono avvicinati due giovani a bordo di un altro motorino. Prima gli hanno preso il telefono, poi le chiavi dello scooter.

    Lo hanno strattonato e costretto ad andare con loro. Da quel momento nessuna traccia del giovane. “Mio figlio – aveva sottolineato la donna – e’ un ragazzo pulito. Lava le auto e fa il parcheggiatore. E’ un giovane pulito”.

    Tra le ipotesi investigative quella di una vendetta trasversale contro qualche esponente della famiglia ma non si esclude nessuna altra pista: si indaga sugli ultimi giorni di vita e le attivita’ del giovane che e’ comunque incensurato e non e’ ritenuto legato a clan della criminalita’ organizzata.

    Gli inquirenti hanno tracciato gli spostamenti del suo scooter. Non si esclude nemmeno che il giovane sia stato attirato in una trappola prima del rapimento e dell’uccisione.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE