Aggiornato -

13 Agosto 2022 - 14:33

Aggiornato -

sabato 13 Agosto 2022 - 14:33
HomePoliticaPolitica CampaniaM5S, Ciarambino: "Lascio partito padronale privo di democrazia interna"

M5S, Ciarambino: “Lascio partito padronale privo di democrazia interna”

Ciarambino: “La cosa che ho scelto di lasciare non assomiglia neanche al guscio vuoto del […]
google news
m5s ciarambino
Valeria Ciarambino

Ciarambino: “La cosa che ho scelto di lasciare non assomiglia neanche al guscio vuoto del progetto per cui ho speso 12 anni della mia vita, credendoci e dando tutto ciò che potevo. La cosa che ho scelto di lasciare è un partito padronale senza più nessuno spazio per il confronto, per la democrazia interna e per l’autocritica”.

Lo scrive sui social la vicepresidente del Consiglio regionale della Campania, Valeria Ciarambino, per spiegare la sua scelta di lasciare il Movimento 5 stelle. “Da mesi – prosegue – mi sentivo ospite sgradita nella casa che avevo contribuito a costruire e che era ormai al pari di una casa occupata.

Ma soprattutto per mesi ho assistito a un partito più intento a guardarsi l’ombelico e a fare la guerra a quanti non giuravano fedeltà assoluta, che ad occuparsi dei problemi delle persone in uno dei momenti più gravi della nostra storia. Chi aveva capito tutto prima di tutti, è stato ancora una volta Beppe Grillo, ormai un anno fa.

È impressionante la preveggenza di questo suo post del 29 giugno 2021”. “Conte – scriveva Grillo – può creare l’illusione collettiva (e momentanea) di aver risolto il problema elettorale, ma non è il consenso elettorale il nostro vero problema. Il consenso è solo l’effetto delle vere cause, l’immagine che si proietta sullo specchio.

E invece vanno affrontate le cause per risolvere l’effetto ossia i problemi politici (idee, progetti, visione) e i problemi organizzativi (merito, competenza, valori e rimanere movimento decentralizzato, ma efficiente). E Conte, mi dispiace, non potrà risolverli perché non ha né visione politica, né capacità manageriali. Non ha esperienza di organizzazioni, né capacità di innovazione.

Io questo l’ho capito, e spero che possiate capirlo anche voi. Non possiamo lasciare che un movimento nato per diffondere la democrazia diretta e partecipata si trasformi in un partito unipersonale governato da uno statuto seicentesco”. Ciarambino ammette di averlo considerato “all’epoca un ingrato. Oggi so che aveva ragione”.

A. Carlino
A. Carlinohttps://www.cronachedellacampania.it
Collaboratore di lunga data di Cronache della Campania Da sempre attento osservatore della società e degli eventi. Segue la cronaca nera. Ha collaborato con diverse redazioni.

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news

Leggi anche

Pianura, discarica a cielo aperto all’esterno delle abitazioni

Pianura. “La situazione igienica sanitaria a Pianura preoccupa. Al civico 46, come segnalatoci da cittadini esasperati, si forma continuamente una discarica a cielo aperto,...

Napoli, fuggono su uno scooter con targa rubata: denunciati

Napoli. Ieri pomeriggio gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Foria sono stati avvicinati da...

Castellammare, 45enne accoltellato: denunciati padre e figli

Castellammare. I carabinieri della stazione e della sezione operativa di Castellammare di Stabia hanno denunciato per concorso in lesioni personali aggravate, porto abusivo arma...

Ragazzina di 12 anni sfregiata da ex, arrestato parente per vendetta

Napoli. La polizia a Napoli ha eseguito una misura cautelare in carcere emessa dal gip partenopeo nei confronti di Silvestro Piccirillo, 43 anni, per...
spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita