Aggiornato -

18 Agosto 2022 - 09:44

Aggiornato -

giovedì 18 Agosto 2022 - 09:44
HomeCronacaTorre Annunziata, eletti i delegati al XXXV Congresso Nazionale Forense

Torre Annunziata, eletti i delegati al XXXV Congresso Nazionale Forense

E’ passata una settimana dalle elezioni tenutesi a Torre Annunziata per la nomina dei delegati al XXXV Congresso Nazionale Forense che si terrà a Lecce il prossimo mese di ottobre. Tale tornata elettorale ha visto […]

google news

E’ passata una settimana dalle elezioni tenutesi a Torre Annunziata per la nomina dei delegati al XXXV Congresso Nazionale Forense che si terrà a Lecce il prossimo mese di ottobre.

Tale tornata elettorale ha visto la netta affermazione del COA di Torre Annunziata, i cui candidati hanno ottenuto i primi tre posti. Sono risultati, infatti, vincitori gli avvocati Bianca Vanacore (la più votata con 509 voti), Francesco Esposito e Raffaele Renzulli, con un margine abbastanza ampio rispetto agli altri due eletti, Alessio Savarese e Antonetta Russo.

E’ stata questa un’ulteriore conferma che la politica adottata dal COA ha fatto breccia nella classe forense oplontina, che ha voluto premiare alle urne l’attuale maggioranza, da sempre vicina alle esigenze degli iscritti e, ancor di più, in questo momento storico particolarmente difficile.

Da pochi giorni – infatti – il COA di Torre Annunziata, probabilmente unico in Italia, ha approvato la riduzione del 20% della quota di iscrizione all’Albo degli Avvocati e al Registro Praticanti e ha altresì deliberato l’adozione di un progetto di solidarietà per supportare gli avvocati in difficoltà. Queste sono solo alcune delle tante iniziative intraprese dal COA a favore della classe.

Ecco come il Presidente del COA Luisa Liguoro, ha commentato le elezioni: “Da persona che da sempre si ispira a principi democratici non posso che essere molto felice per una tornata elettorale che ha visto una partecipazione così elevata di aventi diritto al voto”.

Le abbiamo anche chiesto come si presenta una mozione, dal momento che qualcuno tra gli eletti ha incautamente riportato sui social e sulla stampa l’intenzione di voler proporre sue mozioni congressuali: ”Il sistema delineato dallo statuto congressuale risulta scandito da una tempistica rigida. Le mozioni devono essere trasmesse entro il sei settembre  alla commissione verifica dei poteri la quale, dopo averle esaminate, decide se siano o meno ammissibili. Se l’esito è positivo, la mozione viene inviata a tutti i delegati che esprimono o meno la loro adesione.

Una mozione per superare il vaglio di ammissibilità deve essere pertinente ai temi congressuali e deve aver ricevuto l’adesione di almeno 30 delegati appartenenti ad almeno 5 Ordini diversi. Le mozioni ammesse verranno poi pubblicate sul sito congressuale e discusse nel corso dei lavori a Lecce”.

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news

Leggi anche

Meteo Napoli, ancora caldo e afa: il termometro arriva a 37°C.

Meteo Napoli, ancora due giorni di caldo e afa poi la parte finale estate sarà più piacevole caratterizzata anche da piogge. Ma in questi giorni...

Napoli, rischio crollo: chiuse le storiche scale del Petraio

Rischio crollo al Petraio: la Protezione Civile ha chiuso le scale di via Luigia Sanfelice, nel Vomero, dopo una serie di segnalazioni dei residenti....

Morto Niccolò Ghedini, storico avvocato di Berlusconi

Niccolò Ghedini nato a Padova nel 1959, eletto con Fi dal 2001, penalista a consigliere politico del Cav

Baia Verde, lido chiuso per mancanza di autorizzazioni

Stabilimento balneare chiuso a Baia Verde per la mancanza di autorizzazioni. Il provvedimento è stato adottato dall'ufficio Suap del Comune di Castel Volturno a seguito...
spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita