Famiglia ucraina residente a Caserta dona organi congiunta

SULLO STESSO ARGOMENTO

Famiglia ucraina residente a Caserta dona organi di una propria congiunta. L’Ospedale: “solidarietà e spiccata sensibilità”

Un gesto di “solidarietà e spiccata sensibilità” in un momento di grande angoscia quello offerto da una famiglia ucraina residente a Caserta, che ha deciso di donare gli organi di una propria congiunta deceduta nella notte.

A darne notizia l’azienda ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta, che in una nota “si dichiara sinceramente vicina a questa famiglia ucraina e la ringrazia per la spiccata sensibilità, perché, in concomitanza dell’apprensione per lo scoppio della guerra nel proprio paese d’origine, ha trovato la forza di affrontare il dolore per l’improvvisa perdita della propria mamma e moglie, trasformandolo, grazie al generoso atto della donazione degli organi, in una preziosa risorsa di vita e speranza”.

    La vicenda è quella di una donna ucraina di 60 anni, che ha donato cuore, fegato, rene e cornee.

    “Il prelievo degli organi – fa sapere l’ospedale guidato dal direttore generale Gaetano Gubitosa – è stato eseguito, in nottata, nell’azienda ospedaliera di Caserta, dove la donna e’ giunta in Pronto Soccorso per emorragia cerebrale, ed e’ stato reso possibile dalla collaborazione sinergica di tutti gli operatori sanitari del nosocomio casertano coinvolti nel percorso donativo. Una volta diagnosticata la morte dell’encefalo, è iniziato il periodo di osservazione, a conclusione del quale i familiari della paziente, adeguatamente informati, hanno espresso parere favorevole alla donazione degli organi. Quattro le équipe trapiantologiche intervenute: dagli ospedali Monaldi e Cardarelli di Napoli, rispettivamente per il cuore e il fegato, all’ospedale Ruggi d’Aragona di Salerno per il rene. Le cornee, invece, sono state prelevate dall’équipe interna all’ospedale di Caserta. Come spesso accade – conclude la nota – la donazione multiorgano porta una firma straniera”.






    LEGGI ANCHE

    Napoli-Barcellona, corse extra metropolitana dopo la partita

    Dopo la partita di calcio Napoli-Barcellona, sono previste corse straordinarie della Linea 2 della metropolitana. Il match di andata degli ottavi di finale di Champions...

    Somma Vesuviana, pusher in giro con oltre 100 dosi di droga: arrestato

    Arrestato a Somma Vesuviana un pusher di 21 anni per detenzione di droga a fini di spaccio. I carabinieri hanno fermato e perquisito Antonio Barra,...

    Stop alla circolazione lungo la Cumana per ‘motivi tecnici’

    A causa di "motivi tecnici", è stato temporaneamente sospeso il transito dei treni lungo una tratta della Cumana, come annunciato dall'Ente Autonomo Volturno in...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE