Ballò Jerusalema al giuramento, prosciolta la tenente della Marina militare

La tenente di vascello protagonista del balletto dopo il giuramento alla scuola di Taranto è stata prosciolta, insieme a un sottufficiale, dall'accusa di 'disobbedienza': la decisione del Gup del Tribunale militare di Napoli

google news
Ballo Jerusalema marina Taranto
Sono stati prosciolti dalle accuse la tenente di vascello e il sottufficiale accusati di disobbedienza

Ballò Jerusalema con i suoi giovani sottufficiali alla scuola della marina militare di Taranto: la sottotenente prosciolta dall’accusa di ‘disobbedienza’.

E’ stata prosciolta con formula ampia dal gup del tribunale militare di Napoli la tenente di vascello protagonista del famoso ‘balletto’ messo in scena l’estate del 2020, in piena pandemia, nella Scuola sottufficiali di Taranto dai giovani volontari che avevano appena prestato giuramento. Il video che riprendeva le reclute era finito sul web e in pochi giorni era diventato virale. Nei confronti della donna e di un sottufficiale, che l’aveva coadiuvata, l’accusa era quella di “concorso in disobbedienza continuata pluriaggravata”. Il pm ha oggi chiesto il rinvio a giudizio, mentre gli avvocati difensori degli imputati, gli avvocati Giorgio Carta e Floriana De Donno il proscioglimento.

“La giovane ufficiale avrebbe dovuto essere premiata dalla Marina – ha detto l’avvocato Giorgio Carta -. Invece è stata sottoposta a procedimento disciplinare e penale. Quest’ultimo si è chiuso oggi già in udienza preliminare, salvo appello della Procura. Quello disciplinare, invece, era stato sospeso in attesa del giudizio penale. Confido che la Marina voglia archiviare e chiudere definitivamente questa vicenda inutilmente traumatizzante per una giovane comandante entusiasta del proprio lavoro”. “Quel video – spiega Carta – è una bella pubblicità per la Marina. Mi piacerebbe che nel 2022 fosse questo il messaggio. La ragazza, che tra l’altro è anche una mamma, vorrebbe solo tornare a fare il suo lavoro”.

Soddisfazione viene espressa anche dal difensore del sottufficiale: “Distogliendosi dal clamore mediatico del ‘balletto’, il gup è stato tranciante, il reato non esiste. Nessun ordine, nessuna disobbedienza”, ha detto l’avvocato De Donno.

La vicenda risale all’estate 2020. Nel filmato che ha spopolato sul web si vedono le reclute inquadrate in plotoni nel piazzale della caserma. Quindi la comandante entra in scena – con la sua uniforme bianca, sciabola e sciarpa azzurra – e, sulle note di Jerusalema comincia a ballare. La tenente di vascello da’ il ritmo e tutti quanti presto la seguono. L’effetto finale è divertente, ma il clamore suscitato dal filmato è immediato e alla Marina la cosa non e’ piaciuta. Qualche giorno dopo nei confronti dell’ufficiale viene avviato un procedimento disciplinare per aver leso con il suo comportamento “l’immagine” della Forza armata. La procura militare di Napoli, territorialmente competente, ha poi aperto un procedimento penale per ‘Disobbedienza’: secondo l’accusa, non avrebbe obbedito agli ordini del comandante di reparto, attinenti al servizio e alla disciplina. Ma oggi è arrivato il proscioglimento.

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Superenalotto, realizzato un 5 da 261mila euro

Il jackpot a disposizione del '6' per il prossimo concorso raggiunge l'ennesima cifra record di 281,1 milioni di euro.

Alto Impatto a Torre Annunziata: 1 arresto e sei denunce

Operazione dei carabinieri nei quartieri a rischio della città circa 100 persone identificate

A Napoli cede impalcatura Palazzo Cellamare: tragedia sfiorata

Cede impalcatura al Palazzo Cellamare: tragedia sfiorata ieri sera nella zona di Chiaia, a Napoli

Neonato in pericolo di vita salvato dai medici della Campania e del Lazio

Il piccolo di 50 giorni è stato stabilizzato al Moscati di Avellino e trasferito al Bambin Gesù di Roma

IN PRIMO PIANO

Pubblicita