HomeCronacaIl tribunale di Napoli intitolato ad Alessandro Criscuolo

Il tribunale di Napoli intitolato ad Alessandro Criscuolo

Il #tribunale di Napoli intitolato ad #AlessandroCriscuolo. Cartabia, "Giurista modello e faro,fu lui a volermi alla Consulta"
google news
tribunale napoli alessandro criscuolo
Marta Maria Carla Cartabia_ foto dal web

Il intitolato ad Alessandro Criscuolo. Cartabia, modello e faro,fu lui a volermi alla Consulta”

Da oggi il palazzo di Giustizia di Napoli è intitolato ad Alessandro Criscuolo, di lungo corso, già presidente della Corte Costituzionale tra il 2014 e il 2016 di cui è stato giudice dal 2008, scomparso a marzo di due anni fa.

“Un protagonista dell’intera esperienza giudiziaria italiana – lo ricorda il Guardasigilli Marta che lo stesso Criscuolo volle vicepresidente ai tempi della Consulta – e che aveva una dote rara: era un uomo che sapeva cedere il passo. Non solo non amava i protagonismi e la ribalta, volentieri cedeva il passo ad altri, con i suoi modi sempre eleganti, sempre raffinati, ispirati forse proprio da quella naturale nobile umiltà che lo caratterizzava”.

“Sandro Criscuolo – ha ricordato Cartabia – fu eletto alla Corte Costituzionale dalla Corte di Cassazione ed è uno di quei rarissimi casi, non so se l’unico, di eletto al primo turno con un consenso unanime. Qual era il segreto della sua personalità? Sicuramente c’è l’insigne della grande scuola napoletana, ma non meno decisive sono le virtù dell’uomo, capace di diventare un modello e un maestro”.

Inevitabile il ricordo personale frutto delle comuni esperienze alla Consulta. “Ebbe nei miei confronti un gesto molto generoso – ha sottolineato il ministro nel corso della cerimonia all’aperto – quando mi volle alla Corte Costituzionale, una scelta quasi eversiva, anche perché io ero arrivata da poco e appartenevo a una generazione diversa, anche una formazione diversa, venivo dall’accademia, ma per me fu un vero privilegio. E mai mi fece sentire la distanza in alcun modo. Il rapporto con lui era facile e naturale, aveva un animo davvero mite, quante volte diceva ‘non mi piace comandare’. Quando presiedeva la Corte qualche comando lo doveva pur impartire, ma la sua era una autorità che si faceva ascoltare senza mai imporsi, con interventi sempre misurati ma sempre incisivi. Lo considero un modello, per tanti giudici, per tanti giovani che guarderanno questo nome come un faro di un percorso da seguire”.

 

Gustavo Gentile
Gustavo Gentilehttps://www.cronachedellacampania.it
Esperto in diritto Diplomatico e Internazionale. Lavora da oltre 30 anni nel mondo dell’editoria e della comunicazione. E' stato rappresentante degli editori locali in F.I.E.G., Amministratore di Canale 10 e Direttore Generale della Società Centro Stampa s.r.l. Attento conoscitore della realtà Casertana.

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news
spot_img

Leggi anche

Benedetta Parodi va da Sorbillo a Milano a mangiare la pizza: “La migliore”

Anche Benedetta Parodi, anche se in maniera decisamente più elegante del fratello Roberto Parodi, critica la pizza di Flavio Briatore. Anzi non lo fa perchè...

Frattamaggiore, arrestato l’aggressore: è Pasquale Pezzella

Frattamaggiore. La polizia ha arrestato il presunto autore del tentato omicidio di Nicola Liguori. Si chiama Pasquale Pezzella, il suo nome era stato fatto da...

Covid in Italia, oggi certificati piu’ di un milione di positivi

Sono 71.947 i nuovi contagi da Covid in Italia registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Cifra che porta...

Formula 1, la Ferrari di Sainz trionfa a Silverstone

Formula 1, la Ferrari di Sainz trionfa a Silverstone. Leclerc paga le scelte: è quarto. Incidenti, strategie, scelte sbagliate, colpi di scena. C'è di tutto...

CRONACHE TV

spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita