Conducente bus Anm di Napoli chiede di indossare mascherina: aggredito

SULLO STESSO ARGOMENTO

Conducente bus Anm di Napoli chiede di indossare mascherina: aggredito. Denuncia del consigliere Borrelli: “Una vergogna, ora basta”

Il consigliere regionale di Europa Verde Francesco Borrelli denuncia una nuova aggressione ai danni di un’autista dell’Anm colpevole di aver chiesto a un passeggero di indossare la mascherina.

“Stavolta – spiega Borrelli – è accaduto sulla linea 169 a via della Stadera. Qui un passeggero ha iniziato ad inveire contro l’autista minacciando di sparargli e ha tentato di accedere alla cabina di comando colpendo ripetutamente il vetro di protezione. Una volta sceso dal mezzo, l’aggressore non si e’ arreso ed ha continuato ad aggredire verbalmente e a minacciare il conducente e a sfogare la propria rabbia lanciando sassi e bottiglie contro il pullman”.

    Vergognoso. Questo è ciò con cui il personale dell’Anm deve confrontarsi tutti i giorni. Questa gente violenta – prosegue Borrelli – non ha alcuno scrupolo nell’aggredire chi fa il proprio lavoro, rendendo un servizio pubblico, anche per futili motivi. Questi individui dovrebbero essere messi in condizione di non nuocere piu’ al prossimo, non dovrebbero circolare liberamente seminando violenza e terrore. Il nostro territorio va liberato da certi ‘esseri’, le strade devono ritornare ad essere sicure e restituite alla cittadinanza. Il protagonista di questo vergognoso episodio dovrebbe essere, come ci e’ stato riferito, un soggetto gia’ noto alle forze dell’ordine che ha l’obbligo di firma contro il quale abbiamo deciso di sporgere denuncia ed abbiamo chiesto ai vertici dell’Anm di intervenire con decisione. Intanto – conclude Borrelli – esprimiamo solidarietà all’autista”.






    LEGGI ANCHE

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE