Napoli, si costituisce il ras ricercato Salvatore Chiariello

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Ricercato da cinque mesi: si è costituto in carcere Salvatore Chiariello detto boxer il ras delle estorsioni del clan Amato Pagano.

Era riuscito a far perdere le sue tracce cinque mesi fa ed ricercato per un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della Dda ed eseguita dalla Guardia di Finanza che porto’ in carcere trenta persone.

Ieri, Salvatore Chiariello ‘boxer’, 49 anni, ritenuto uomo di fiducia del clan scissionista, gli Amato-Pagano, del quartiere napoletano di Secondigliano e dei comuni di Melito e Mugnano, si è consegnato nel carcere. Chiariello in particolare, secondo l’accusa, si occupava della gestione delle estorsioni e in particolare aveva la funzione di convincere usando la violenza le vittime reticenti tra Melito e Mugnano, nel Napoletano.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Scacco al clan Silenzio di Taverna del Ferro: 25 arresti

    @RIPRODUZIONE RISERVATA






    LEGGI ANCHE

    Tentata rapina di uno scooter a Napoli, i malviventi incastrati da una cimice e uno scaldacollo

    Francesco Scurti, quasi 21enne, è stato arrestato in relazione alla tentata rapina di uno scooter a Napoli, che ha portato a un tentato omicidio...

    I piatti della Quaresima a Napoli alla trattoria e pizzeria “Ieri,Oggi, Domani”

    Nel nome dei piatti della Quaresima a Napoli, la trattoria e pizzeria “Ieri,Oggi, Domani”, con il suo patron Pasquale Casillo, ha dedicato un momento...

    Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

    È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE