Il #Napoli riprende la sua corsa in campionato dopo la sconfitta in casa dell’Inter. E dall’infermeria arrivano buone notizie




Nella notte del ricordo di Diego il Napoli regala la versione di sé più bella, schiantando la Lazio del grande ex Maurizio Sarri e ritrovando una vetta solitaria in classifica che dalle parti del Vesuvio non si vedeva proprio dai tempi del mai dimenticato ‘Comandante’.

La settimana horribilis iniziata con la sconfitta di San Siro per mano dell’Inter, proseguita con la notizia del grave infortunio subito da Victor Osimhen, che dovrà star fuori per tre mesi, e continuata con la brutta batosta rimediata con lo Spartak Mosca che ha complicato il cammino in Europa League, si è conclusa con un poker che ha spazzato via in soli 90 minuti tutti i dubbi e le negatività pronte ad addensensarsi sopra Castelvolturno in caso di un nuovo risultato negativo.

Invece il 4-0 a una diretta rivale nella lotta per l’Europa che conta ha riacceso la spina dell’entusiasmo tra i campani, complice anche il ko del Milan che ha proiettato i ragazzi di Spalletti in testa in solitaria per la prima volta, dopo un andamento a braccetto durato tredici giornate. Una prova di carattere e di qualità, in nome di Diego Maradona ricordato da tutto lo stadio in occasione del primo anniversario della sua morte. Dries Mertens non ha fatto rimpiangere Oshimen, firmando una doppietta d’autore che fa morale in vista dei prossimi impegni fino a Natale.

Zielinski e Fabian Ruiz hanno completato l’opera mettendo la ciliegina sulla torta con reti non banali. La difesa, in cui giganteggia capitan Koulibaly, si conferma di gran lunga la migliore del campionato, reparto capace di annullare nel posticipo di domenica un certo Ciro Immobile. Dal campo all’infermeria, le buone notizie non sono finite per il tecnico toscano.

Matteo Politano è guarito dal coronavirus e potrebbe tornare utile già mercoledì in casa del Sassuolo, discorso simile per un altro esterno d’attacco, Adam Ounas, che si è allenato in gruppo dopo essersi messo alle spalle il problema muscolare che aveva avvertito in nazionale. Entrambi sono candidati a una convocazione per la difficile trasferta in Emilia. I neroverdi infatti si sono guadagnati l’appellativo di ‘ammazzagrandi’ battendo, in trasferta, sia Juventus che Milan. Berardi e compagni non vogliono fermarsi e, adesso, hanno messo nel mirino anche la capolista. Chiamata ora a confermarsi dopo lo spettacolo offerto contro la Lazio.



Mafia: 37 arresti a Potenza, c’è anche un sindacalista

Notizia precedente

Lubrano fu ucciso dai Casalesi: chiesti dalla Dda 5 ergastoli

Notizia Successiva



Ti potrebbe interessare..