Benevento, appalti truccati



Benevento. Imprenditore coinvolto in appalti truccati era già stato arrestato, nel giugno 2020, per collusione con il dei Casalesi.

Raffaele Pezzella, 56 anni, oggi destinatario di una misura cautelare emessa dal gip di Loredana Camerlengo nell’ambito dell’inchiesta che ha coinvolto, tra gli altri, il presidente della Provincia di Antonio Di Maria, venne accusato, insieme con un altro imprenditore, di concorso esterno in associazione camorristica, perchè ritenuto contiguo al dei Casalesi, in particolare alle famiglie Schiavone e Russo.

ADS

Di Pezzella, inoltre, ha raccontato nelle sue dichiarazioni anche l’ex boss dei Casalesi – e collaboratore di giustizia – Antonio Iovine che racconta di un incontro, organizzato d’intesa con l’altro boss Michele Zagaria, durante il quale si stipulo’ un accordo per versare il 10% dell’importo complessivo di un appalto ai clan. I del Ros e la Dda, il 27 giugno 2020, nell’ambito di un approfondimento investigativo dell’inchiesta “Medea” sulle infiltrazioni dei Casalesi negli appalti pubblici (indagine giunta a sentenza in appello con pesanti condanne per i principali imputati), notificarono un provvedimento cautelare ai due costruttori ritenuti referenti delle famiglie Russo e Schiavone grazie alle quali, secondo gli inquirenti, ottenevano l’affidamento di gare di appalto per la realizzazione e la manutenzione di opere commissionate dalla amministrazione provinciale di Caserta.



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Torino, uccise il padre per difendere la madre: assolto Alex Pompa

Notizia precedente

Bradisismo a Pozzuoli, il sindaco: “Allarmismi ingiustificati”

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..