neymar



L’attesa è agli sgoccioli. Sabato 23 ottobre, presso il riqualificato campo “Sgarrupato” del parco Ventaglieri, la città di ospiterà la finale del Red Bull Jr’s Five.

Il torneo di calcio a 5, che porta il nome della stella brasiliana ed è riservato a ragazzi e ragazze di età compresa tra i 16 e i 35 anni, vedrà competere le migliori squadre italiane che nelle scorse settimane hanno superato le rispettive tappe locali (Bari, Salerno, Palermo, Catania e Napoli).

ADS

A partire dalle ore 11.30 alle ore 15 si svolgerà la fase a gironi; dalle ore 15 alle ore 20.30 si entrerà nel vivo della giornata, con la fase finale del torneo nazionale. A rendere ancora più emozionanti le sfide sono le regole semplici e innovative: si gioca 5vs5, per 10 minuti di tempo e senza portieri. Il format prevede che per ogni goal segnato, la squadra avversaria perda un giocatore: l’obiettivo è quindi buttare fuori tutti gli avversari.

Ospiti speciali della giornata saranno i ragazzi di “Che fatica la vita da bomber”, una delle community di sport più importanti del panorama social, diventata ormai un punto di riferimento per giocatori di e di primissimo livello.

Cornice dell’evento sarà il riqualificato campo “Sgarrupato” del parco Ventaglieri, situato nel quartiere di Montesanto. Vera e propria opera d’arte urbana, è stato realizzato grazie alla tecnologia di Mapei, che lo ha trasformato in un campo da gioco dalle elevate prestazioni tecniche, in particolare un’ottima resistenza allo scivolamento, e dall’eccezionale resa estetica, grazie a colori brillanti che dureranno nel tempo.

LEGGI ANCHE  Il questore di Napoli: "Chiesto più steward per la partita con la Juve, speriamo ci siano"

Il campetto verrà rinnovato anche grazie all’aiuto dell’artista locale Zeus40 che raffigurerà San Gennaro, santo protettore della città, in veste di uomo che va a giocare con i bambini del quartiere: dietro il protagonista sarà visibile anche la scritta “Napul’è”, forte richiamo al capoluogo campano. I lavori di riqualificazione saranno ultimati alla vigilia dell’evento.

L’obiettivo è infatti creare un binomio di arte e sport con un forte sfondo sociale: lo “Sgarrupato” è stato scelto proprio perché unisce il concetto di calcio da strada con la passione dei ragazzi napoletani per il calcio. La riqualificazione del campo vuole dare nuova vita a spazi urbani in degrado, rendendoli accessibili e durevoli nel tempo.

I lavori di riqualificazione sono stati patrocinati dal comune di e dalla Municipalità 2 della città metropolitana. Fondamentale è stato anche il contributo dell’associazione “Sii turista della tua città”, che da tempo si occupa di attuare un processo di valorizzazione culturale, sociale e artistica del patrimonio artistico culturale dell’intero territorio campano.

Nel caso del campo “Sgarrupato”, una volta terminata la manifestazione, si occuperà della pulizia del parco, organizzando nei prossimi mesi dei tour a tema street art nel parco, oltre a piantare diversi alberi nelle zone più abbandonate.

Appuntamento a sabato 23 ottobre per la Finale Nazionale in Italia. La squadra vincitrice di ogni nazione volerà poi in Qatar per la finale mondiale: il premio finale per il team campione sarà l’opportunità di giocare una partita di calcio contro la superstar brasiliana.



Collaboratore di lunga data di Cronache della Campania Da sempre attento osservatore della società e degli eventi. Segue la cronaca nera. Ha collaborato con diverse redazioni.

Whirlpool Napoli, presidio Fim Fiom Uilm a Santa Lucia, domani incontro con Manfredi

Notizia precedente

Napoli, sorpresi a confezionare “dosi” in cantina: 5 arresti a Barra

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..