Napoli, tentato omicidio rider: arrestato 30enne. IL VIDEO

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Aveva diritto di prendere quell’ordine ma il collega non riusciva a mandare giu’ che dal centro della citta’ quel collega si fosse allontanato fino al quartiere di Miano, dove, era la sua tesi, avrebbero dovuto lavorare solo quelli della zona.

E’ stato questo il motivo scatenante di una violenta lite sfociata in accoltellamento che ha visto vittima un rider, un episodio avvenuto a Napoli, precisamente a Miano, la scorsa primavera. Oggi la Squadra Mobile della Questura di Napoli, al termine di indagini durate diversi mesi, ha notificato a un un collega della vittima, un rider di 30 anni, una misura cautelare agli arresti domiciliari emessa dal gip su richiesta del sostituto procuratore Enrica Parascandolo e del procuratore aggiunto Sergio Ferrigno che contestano all’indagato il reato di tentato omicidio.

A far scattare le indagini e’ stato il fiuto degli investigatori, riusciti a mettere in relazione due episodi che, quella sera di marzo, non sembravano legati tra loro: la denuncia di furto di uno scooter presentata da un rider e l’arrivo in ospedale di un altro rider, gravemente ferito da alcuni fendenti.

    Le immagini dei sistemi di videosorveglianza della zona e l’escussione dei testimoni non solo hanno consentito di ricostruire nel dettaglio la vicenda ma anche di far emergere che, almeno in alcuni quartieri della citta’, vige la regola della territorialita’: lavorano in quel quartiere solo i rider che li’ ci vivono.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, la lite tra rider finisce a coltellate

    E, infatti, il rider accoltellato (che ha anche rischiato la vita a causa di quei fendenti), non era di Miano ma del centro di Napoli. Gli agenti della Squadra Mobile sono riusciti anche a recuperare l’arma del delitto che il rider aggressore – con precedenti penali come la vittima – portava tranquillamente con se in giro durante le consegne.

     






    LEGGI ANCHE

    Napoli, il procuratore capo Gratteri visita il Centro Operativo della Direzione Investigativa Antimafia 

    Nel pomeriggio di ieri, il Procuratore della Repubblica di Napoli, dott. Nicola Gratteri, si è recato in visita alla sede del locale Centro Operativo...

    Stasera in Tv: la programmazione di questa sera, 22 febbraio 2024.

    Ecco la programmazione tv di questa sera, 22 febbraio 2024, sui principali canali italiani: Rai 1 : alle 21:30 "Doc- Nelle tue mani 3" Rai 2...

    La Agriconserve Rega di Striano: “Accertamenti per un piazzale adibito a parcheggio”

    In merito agli accertamenti e ai sequestri svolti dai carabinieri del gruppo Tutela Ambientale di Napoli su disposizione della Procura di Torre Annunziata arriva...

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE