Camorra a Montecatini confiscati gli alberghi

Camorra a Montecatini confiscati gli alberghi all’imprenditore Rastelli di Boscoreale per il Tribunale di Firenze è legato al clan Formicola. Confiscati beni a Firenze, Pistoia, Venezia e Roma

______________________________

Camorra a Montecatini confiscati gli alberghi all’imprenditore Rastelli originario di Boscoreale in provincia Napoli: per gli investigatori è legato al clan Formicola.

Un anno fa disse: “Ho sempre schifato la camorra”.

Un anno fa il sequestro di beni per 10 milioni di euro, oggi è arrivata la confisca per Francesco Rastelli, 55 anni, l’imprenditore vissuto tra Boscoreale e Sant’Antonio Abate in provincia di Napoli da tempo trasferito in Toscana a Montecatini Terme dove opera nel settore immobiliare turistico alberghiero.

Stamane, la Direzione Investigativa Antimafia, a completamento di attività coordinata dalla Dda di Firenze, ha dato esecuzione a un provvedimento di confisca di beni nei confronti dell’imprenditore residente a Montecatini Terme ed operante nei settori immobiliare e turistico-alberghiero.

Il provvedimento ablativo emesso dal Tribunale di Firenze conferma, a distanza di un anno, il sequestro conseguente ad una proposta del Direttore della Dia eseguito nei confronti dell’imprenditore trasferitosi in Toscana negli anni Novanta e ritenuto legato agli ambienti camorristici napoletani ed in particolare al clan Formicola.

L’uomo – si legge nella nota della Direzione investigativa antimafia – Già sorvegliato speciale di pubblica sicurezza è risultato fin dal 1985 gravato da condanne che vanno dall’associazione per delinquere finalizzata alla commissione di rapine, alla detenzione di armi, alla truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e alla ricettazione fino ad imputazioni per favoreggiamento della latitanza di un camorrista.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Camorra, imprenditore napoletano: “Io assolto ma beni sequestrati”

LEGGI ANCHE  Covid, Natale con ristoranti chiusi e coprifuoco alle 22 anche a Capodanno

La Dia ha ricostruito il profilo del soggetto ed analizzato gli aspetti patrimoniali dell’intero nucleo familiare accertando una rilevante sproporzione tra la ricchezza accumulata negli anni anche per interposta persona e quanto dichiarato al fisco. I beni oggetto del provvedimento di confisca sono ubicati nelle province di Firenze, Pistoia, Roma e Venezia sono 4 società, 3 fabbricati, tra i quali 2 alberghi, 7 automezzi e decine di rapporti finanziari, per un valore complessivamente stimato di oltre 10 milioni di euro.

Rastelli era titolare di tre alberghi sequestrati e poi confiscati dal Tribunale di Firenze.

Camorra albergo confiscato a Montecatini

Camorra a Montecatini confiscati gli alberghi all’imprenditore di Boscoreale

Lo scorso anno proprio a luglio dopo il sequestro preventivo dei beni per un valore di 10 milioni Francesco Rastelli, nato a Boscoreale, vissuto poi a Sant’Antonio Abate e trasferitosi in Toscana a 29 anni, aveva scritto ai giornali sostenendo la sua estraneità agli ambienti criminali.

“A distanza di 13 anni la mannaia della (in)giustizia, mai stata così cieca e bendata, si è nuovamente abbattuta su di me e sui miei familiari” aveva detto
“Esiste in Italia forse un quarto grado di giudizio?” aggiunge concludendo: “Anche oggi, come 13 anni fa, mi presento e continuo ad andare a testa alta, senza mollare, pronto a dimostrare la mia estraneità rispetto” a quanto “detto di brutto” “nei miei confronti, della mia famiglia e delle mie imprese che contano oltre 140 dipendenti e collaboratori”. Rastelli era stato assolto da un procedimento, conclusosi in cassazione a gennaio 2020, iniziato con il suo arresto e con quello della moglie.


Di Rosaria Federico

Ti potrebbe interessare..

Altro FlashNews