Seguici sui Social

Teatro

Il Teatro Tram riparte dai giardini di Napoli: dal 9 luglio spettacoli all’aperto

Il Teatro Tram riparte dal Giardino Segreto di Via Foria con “Vino Stories – Quattro pezzi alcolici”


PUBBLICITA

Pubblicato

il

Teatro Tram riparte_vino stories

Il Teatro Tram riparte dai giardini di Napoli: dal 9 luglio al via “Storie al verde”, tre weekend di spettacoli all’aperto

Il Giardino Segreto di Via Foria, Casa Tolentino e l’Orto Botanico sono le tre location della rassegna estiva della sala napoletana

Si rimette in moto il Teatro Tram di Napoli, la piccola sala in via Port’Alba fondata cinque anni fa da Mirko Di Martino, e lo fa con la nuova rassegna itinerante “Storie al verde” in tre dei più suggestivi giardini partenopei. Tre spettacoli diversi da godersi al fresco, muovendosi tra le storie raccontate di volta in volta da quattro attori, con la disponibilità di tre differenti orari (19.30 – 20.45 – 22.00). Ogni spettacolo si compone di 4 monologhi interpretati in punti diversi della location.

“A luglio il teatro a Napoli è al verde – spiega il direttore artistico del Tram Mirko Di Martino -: è il colore dei bellissimi giardini della città che diventeranno palcoscenico dei nostri spettacoli, ma il verde è, ironicamente, anche il colore delle tasche dei lavoratori dello spettacolo che, dopo la pandemia, si sono ritrovati tutti più poveri. Noi del TRAM, però, non ci siamo arresi e abbiamo ideato tre spettacoli itineranti in cui gli spettatori potranno ascoltare storie intriganti, divertenti e originali. Dal vino al mito, dalla storia all’attualità, dall’ironia alla riflessione: ci saranno tante occasioni per vivere tutte le emozioni del teatro in ambienti freschi e rilassanti”.

Si parte venerdì 9 luglio nel “Giardino Segreto” di via Foria dove, per due giorni (9 e 10 luglio) andrà in scena “Vino Stories”, testi e regia di Mirko Di Martino con Titti Nuzzolese, Nello Provenzano, Laura Pagliara e Diego Sommaripa: il pubblico sarà coinvolto in un’esperienza che attiverà non soltanto i cinque sensi, ma anche la memoria e l’immaginazione. Gli spettatori, infatti, incontreranno quattro personaggi simpatici e sorprendenti, teneri e fragili, alle prese con situazioni di vita quotidiana in cui il vino – anzi, i vini: ogni storia sarà legata a una sua tipologia – la farà da protagonista.

Sabato 17 e domenica 18 luglio, invece, ci si sposta nella splendida Casa Tolentino, (Gradini S. Nicola da Tolentino) con i quattro monologhi che raccontano “Indomite (Ind’o mit’)”, con la regia di Angela Rosa D’Auria e con Titti Nuzzolese, Germana Di Marino, Angela Bertamino e Dolores Gianoli. I testi di Maria Laura Amendola, Rosa Pascale, Marina Salvetti e Silvana Totàro racconteranno Euridice, Medusa, Persefone e Le Parche: quattro personaggi del mito riscritti da quattro autrici napoletane, quattro donne di oggi che reinterpretano quattro donne senza tempo, alla ricerca di una nuova identità.

L’esperimento “al verde” del teatro Tram si chiude martedì 27 e mercoledì 28 luglio nel giardino più imponente della città: l’Orto Botanico in via Foria, che farà da scenario a “Controvento”, testi e regia di Gennaro Esposito con Nello Provenzano, Angela Bertamino, Giuseppe Di Gennaro e Federica Flibotto. Storie di uomini e donne – da Giordano Bruno a Eleonora Pimentel Fonseca – che hanno sacrificato la loro vita alla ricerca di un ideale, finendo vittime del pregiudizio e dell’intolleranza.

LEGGI ANCHE  Anna Netrebko e Yusif Eyvazov aprono domani la VI edizione di "Un'Estate da Re"

PRIMO SPETTACOLO

VINO STORIES
Quattro pezzi alcolici

9 / 10 luglio 2021 | Giardino Segreto, via Foria 216 Napoli
testi e regia di Mirko Di Martino con Titti Nuzzolese, Nello Provenzano, Laura Pagliara, Diego Sommaripa

In un bicchiere di bianco o di rosso c’è sempre molto di più di ciò che appare: il sapore, il colore, l’aroma, sono tanto presenti quanto l’ amicizia, la gioia, e a volte la tristezza. Per ogni bicchiere di vino c’è una storia da narrare, ogni sorso è racconto e emozione, che è proprio la materia di cui è fatto il teatro. Il pubblico di “Vino stories” sarà coinvolto in un’esperienza che attiverà non soltanto i cinque sensi, ma anche la memoria e l’immaginazione. Gli spettatori incontreranno quattro personaggi simpatici e sorprendenti, teneri e fragili, alle prese con situazioni di vita quotidiana in cui il vino la farà da protagonista. Ogni storia sarà legata a una tipologia di vino: si partirà dall’aperitivo con il vino spumante, che sarà al centro di una storia effervescente con protagonista uno sciabolatore di spumante; si proseguirà con il vino bianco, servito al ristorante a una donna in difficoltà con gli abbinamenti: il terzo episodio ruoterà intorno al vino rosè e alle incertezze di un sommelier in terapia; il finale sarà ovviamente riservato al rosso corposo, grazie al quale una sposa in crisi ritroverà le sue certezze.

Vino Stories - Laura Pagliara

Vino Stories – Laura Pagliara

Primo monologo:“Sciabole e bollicine”

Un ex sciabolatore di champagne, rinchiuso in manicomio perché convinto di essere Napoleone, racconta al pubblico la storia del suo folgorante innamoramento per una donna e dei suoi tentativi per conquistarla, fino al fallimento finale che lo ha condotto alla pazzia.

Secondo monologo: “Abbinamenti”

La protagonista è una giovane donna seduta al tavolo di un rinomato ristorante. Lei racconta al pubblico le sue difficoltà nella scelta del vino e le ansie che ne derivano, trattandosi del primo appuntamento con l’uomo di cui è innamorata che, invece, appare essere un grande intenditore.

Terzo monologo: “Pietro 5.8”

Le ansie legate al vino sono al centro anche del terzo monologo, ma questa volta viste dalla parte di un sommelier che ha perso la capacità di riconoscere le qualità dei vini e si è recato da uno psicanalista per risolvere il problema, facilmente individuato nella madre astemia e ultra-cattolica.

Quarto monologo: “Le seconde nozze di Cana”

Una sposa, dopo aver visto andare in frantumi il giorno del suo matrimonio a causa di una tempesta improvvisa e di una insopportabile suocera, recupera un po’ di serenità grazie al sapore di un vino che aveva dimenticato.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE A Scampia la sartoria sociale della cooperativa La Roccia nel nuovo progetto di NaturaSì

Biglietti:
intero € 15,00
ridotto € 12,00 (under 30 e over 65)
3 spettacoli € 30 Green Card
Acquista online: www.teatrotram.it
prenotazioni
cell. 342 1785 930 (whatsapp) | email tram.biglietteria@gmail.com

Continua a leggere
Pubblicità

Teatro

Per Antichi Scenari lo spettacolo ‘Senza naso né padroni’

Venerdì 6 agosto (con replica sabato 7) alle 19.30 all’Oasi naturalistica Monte Nuovo per la sezione Teatro il Festival #AntichiScenari, Pinok Pezzok – Senza naso né padroni di e con Sergio Longobardi

Pubblicato

il

antichi scenari_sergio longobardi

Venerdì 6 agosto (con replica sabato 7) alle 19.30 all’Oasi naturalistica Monte Nuovo per la sezione Teatro il Festival Antichi Scenari, dietto da Carmine Borrino e Veronica Grossi, presenta lo spettacolo Pinok Pezzok – Senza naso né padroni di e con Sergio Longobardi.

E’ l’avventura tragicomica di una voce periferica, voce nutrita dall’assurdo della vita , voce di chi sta ai margini dove cantano gli usignoli e ruggiscono le belve. E talvolta diventa difficile anche solo passeggiare. Piccolo canto di rabbia e di amore, avventura tragicomica di una voce di periferia, nutrita dall’assurdo e dall’emarginazione.

Pinocchio Esposito, giovanotto stralunato e romantico, accende ogni sera una candela davanti all’immagine della Fatina. Questo rituale amoroso è causa di un incendio devastante nel condominio di periferia dove trascorre le sue giornate. Costretto alla fuga degli eventi, mentre una folla inferocita di vicini bruciacchiati lo insegue, cerca scampo nel campo dei miracoli. Qui si ferma e ricorda. Diventa così narratore di sé stesso e interprete di quella giostra di accidenti di ogni genere, che ineluttabilmente attira a sé come una calamita.

LEGGI ANCHE  Coronavirus, De Luca: 'In Campania oggi 170 positivi'

Orari spettacoli: 19.30

Info e prenotazioni: lunanova.arte@gmail.com

Costo biglietto: posto unico 7 euro

Il testo è stato scritto da Marcello Amore e Sergio Longobardi ed è una riscrittura teatrale in chiave napoletana del testo collodiano.
Le Avventure di Pinocchio Esposito riscrivono la favola utilizzando una lingua esuberante ,vivace, surreale.

“Lo spettacolo Senza naso né padroni è stato un lavoro che ha assunto una sua importanza nel panorama teatrale nazionale tra il 1996 e il 2001 per la regia di Davide Iodice. Di quegli anni belli e dolorosi per me tra tanti bei ricordi mi preme evidenziare il bellissimo incontro con Leo De Berardinis che amò e di conseguenza ospitò lo spettacolo nel suo festival di Santarcangelo nel 1997. Egli vide lo spettacolo da solo a Bologna al Teatro San Martino prima di prenderlo al festival. Fu una giornata di pura magia. Io dal Palco mentre recitavo vedevo i suoi lunghi capelli bianchi riflessi dalla luce e la platea mi sembrava affollata.”

Continua a leggere
longobardi logo

Le Notizie più lette