Ministro Patrizio Bianchi: ‘Percorsi individuali non tutti in classe fino al 30 giugno’

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il ministro Bianchi: ‘Percorsi individuali non tutti in classe fino al 30 giugno’Nei primi giorni di partenza delle prove Invalsi, sono già state fatte 17 mila le valutazioni.

“In questo periodo le scuole non sono mai state chiuse: bisogna iniziare ad aggiungere, fare dei percorsi di sostegno dei singoli, non con tutti seduti al banco fino al 30 giugno ma con percorsi individuali.”, sostiene e dichiara il neo ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi a Radio Rai 1.

“Gli insegnanti sono presenti fino al 30 giugno per tutte le attività della scuola. Si tratta di portare avanti questo lavoro, siamo solo a marzo, c’è tutto il tempo di verificare la perdita degli apprendimenti, i docenti stanno già facendo questo lavoro”.

“Si tornerà a scuola ragionando su quello che è avvenuto – aggiunge il ministro -, non cancellando il passato ma ragionandoci su per avere una scuola e un mondo del lavoro più avanzato.”.



    “Capisco voler fare i titoloni sulla Dad ma la scuola è presenza. In questo anno i nostri insegnanti hanno lavorato in situazioni difficilissime, va loro riconosciuto, è un patrimonio che non può essere disperso. Dopo si tornerà in presenza facendo tesoro delle esperienze, arrivando a un uso più consapevole anche della dad. Bisogna allargare le nostre capacità senza avere paura degli strumenti. Non bisogna fare guerre di religione, ma usare gli strumenti che abbiamo”.

    “La scuola non è solo importante è il cuore e il battito della comunità. Io sono qui. Per anni la scuola è stata quasi considerata un mondo a parte, oggi ne stiamo parlando tutti, tutti ci rendiamo conto della sua importanza. Ci siamo trovati difronte ad un evento non prevedibile. Di fronte a questa che, spero, sia l’ultima battaglia dobbiamo essere uniti”, conclude il ministro.

    Bianchi ha assicurato che chi ha fatto il concorso straordinario sarà in cattedra già prima dell’1 settembre. Sulle misure per aiutare le famiglie che abbiano figli in dad, il ministro ha ricordato che il dibatitto è aperto con la ministra della famiglia Bonetti per trovare una soluzione e non lasciare le famiglie sole in piena emergenza.

    “A scuola si sono prese e si stanno prendendo tutte le misure per la sicurezza – ha detto il ministro, rispondendo ad una domanda – ma la scuola mette in movimento una città, una comunità e questo coinvolge il sistema dei trasporti, l’intero sistema urbano. Questo Dpcm insiste molto su questo, in zona rossa c’è pericolo per tutti, con le varianti anche per i bambini. E nelle zone arancioni le regole sono molto stringenti, non sono regole discrezionali”.

     


    Torna alla Home


    Martedì 23 aprile, alle ore 11, nella splendida cornice del 'Vega Luxury' di Teverola, sarà presentata l’ottava edizione del "Trofeo D'Alterio Group". L'evento calcistico, patrocinato dai Comuni di Villaricca e di Mugnano di Napoli, e da Coni, Federcalcio e Ldn , Figc, Coni e Lnd Campania, si conferma tra...
    Durante un controllo della polizia ai tornelli dello Stadio Olimpico, in occasione della partita di Europa League tra Roma e Milan, è stato arrestato un tifoso trovato in possesso di 47 bustine di cocaina. L'uomo, un 45enne romanista con legami con gli ambienti ultras del tifo giallorosso, è stato...
    Durante la trasmissione "Si Gonfia la Rete" su Radio CRC, Raimondo Marino, ex giocatore del Napoli che ha militato anche con Antonio Conte al Lecce, ha espresso il suo parere su una possibile candidatura di Conte alla guida della squadra partenopea: "I napoletani hanno bisogno di un uomo come...
    Una sentenza storica della Corte di Cassazione ha condannato l'Ospedale Piemonte e Regina Margherita di Messina al risarcimento di oltre un milione di euro ai familiari di un paziente deceduto a causa di epatite C contratta dopo una trasfusione di sangue infetto. Il paziente, sottoposto a un intervento chirurgico di...

    IN PRIMO PIANO