turbative aste agriturismo



Turbarono aste agriturismo, condannati imprenditore e un

Un imprenditore di 69 anni residente a Fucecchio in provincia di Firenze, e un avvocato di 57 anni di Napoli, sono stati condannati dal tribunale di Firenze rispettivamente a 2 e 3 anni di reclusione per il reato di turbata libertà degli incanti, con l’accusa di aver ostacolato la vendita all’asta di un agriturismo – la cui proprietà sarebbe stata riconducibile al 69enne – pignorato a causa di alcuni debiti contratti.

I due sono stati condannati per fatti relativi a due aste, una del 2015 e l’altra del 2017, e assolti per quelli relativi a un’asta del 2016. Secondo le indagini, coordinate dal pm Paolo Barlucchi, l’imprenditore in più occasioni avrebbe scoraggiato gli interessati a partecipare alle aste, arrivando a minacciarli apertamente o minacciando che avrebbe demolito l’agriturismo – in località Massarella nel comune di Fucecchio – dopo l’aggiudicazione.

LEGGI ANCHE  Secondo appuntamento della rassegna Un’estate per sognare a Villa San Michele
ADS

Per scoraggiare i compratori, l’imprenditore avrebbe tra l’altro prospettato loro la presenza nella proprietà di abusi edilizi da sanare. In un altro momento avrebbe dichiarato a uno degli interessati che non avrebbe mai lasciato spontaneamente lo stabile.

Avrebbe anche affermato che il compratore, una volta acquistato l’ ci avrebbe trovato “un campo da tennis”, intendendo così che avrebbe fatto abbattere tutto, e che sarebbe rientrato in possesso della proprietà “costi quello che costi”.



Fabio Testa, 28 anni, laureato in sociologia. Appassionato della cultura napoletana e dei fenomeni della tradizione popolare. Gli piace il cinema d'autore. E' grande tifoso del Napoli

    Vertenza Meridbulloni, entro la settimana i primi contratti

    Notizia precedente

    Coronavirus: sale a 305 il numero dei medici morti in Italia

    Notizia Successiva

    Ti potrebbe interessare..