La morte di Raffaele Cutolo di uno dei boss più sanguinari, crudeli ed efferati della storia della criminalità organizzata campana ha spaccato in due l’opinione pubblica.

Diversi, purtroppo, sono stati gli omaggi e i messaggi di omaggio e di esaltazione, soprattutto sui social, per il fondatore della Nco. Tante persone, tanti criminali, ma anche tanti giovani, che non lo hanno conosciuto se non attraverso gli sbagliati messaggi, tramandati da film e racconti, oggi lo esaltano. Forse farebbero bene a sentire i racconti dei familiari delle tante vittime innocenti uccise dalla sua crudeltà e della sua sete di potere.

Al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli, che da tempo ormai si è schierato in prima linea contro la cultura criminale e la camorra, avendo anche dato vita ad una protesta popolare contro le scarcerazioni dei boss avvenute nel primo lockdown per la pandemia da coronavirus, sono stati segnalati diversi messaggi pro-Cutolo, eretto da una certa parte della popolazione, purtroppo, a mito, leggenda, a esempio da seguire. Il cantante neomelodico Gino Ferrante scrive su Facebook: “ L’UOMO CON ONORE E OMERTÀ HAI FATTO TANTO DEL MALE PER TANTI DEFICIENTI MA, IN QUEL MALE HAI DATO LA VITA POSTI DI LAVORO HAI DATO QUELLO CHE LA POLITICA INSIEME ALLO STATO E ALLA CHIESA NON SONO MAI STATI ALL’ALTEZZA DELLA TUA PERSONA. PER IL POPOLO ITALIANO DOVREBBE NASCERE UNA PERONA COME TE! ADDIO CHE RIPOSI IN PACE .”

LEGGI ANCHE  La ministra Azzolina a Napoli per l' inaugurazione dell'anno scolastico

Sulla piattaforma a Tik Tok un uomo mostra fiero, sulle note di una canzone trap che parla di “Ak-47”, il volto di un giovane Raffaele Cutolo in compagnia di quelli di Al Capone e dei narcotrafficanti Pablo Escobar e “El Chapo” Guzman.

“Non una lacrima abbiamo versato per la morte di Cutolo e mai ne verseremo per nessun boss e camorrista, nessuno dovrebbe farlo. Durante il primo lockdown, Cutolo, tramite il proprio legale, chiese al giudice di sorveglianza di poter essere scarcerato e di proseguire la pena ai domiciliari ma noi ci opponemmo, facendo lo stesso per tutte le altre scarcerazioni di boss, ottenendo anche una vittoria.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Cutolo, la storia, le condanne e i segreti che si porta nella tomba

È triste, inquietante e spaventoso che tante persone abbiamo dedicato alla morte di uno dei boss più crudeli di sempre tanti messaggi d’affetto, di esaltazione, che quasi lo santificano. Qui non si tratta di pietà cristiana, non può esserci pietà per uno che ha generato tanta paura, morte, dolore e disperazione, ma si parla di esaltazione della camorra e della cultura criminale che, purtroppo, come stiamo già denunciando da tempo, si sta diffondendo sempre più in maniera pericolosa. A noi ci fanno ribrezzo i boss, i camorristi e chi li difende, li sostiene e li esalta perché è proprio grazie a questi ultimi che la camorra nella nostra terra continua a proliferare ed insinuarsi sempre più nel tessuto sociale, politico, economico e culturale. Questa mentalità va combattuta e repressa ad ogni costo, per sconfiggere la camorra bisogna prima estirpare questo pensiero filo-camorrista.

LEGGI ANCHE  De Luca: 'Allarme contagi, serve Dad in tutte le scuole'

Sono stati davvero troppi i messaggi di apprezzamento per Cutolo, il cantante neomelodico Gino Ferrante, che già in passato avevamo attaccato dopo che aveva pubblicato un annuncio dove ricercava persone dalla ‘mentalità mafiosa’ per i suoi videoclip, definisce deficienti chi considera Cutolo un criminale e vorrebbe che ne nascessero altri come il boss. Senza parole. E poi canzoni, nuove o più datate, tatuaggi, fotomontaggi, tutto per esaltare una persona che tutti dovremmo ripudiare. Eppure così non è.

Cutolo è morto in carcere, durante il 41bis, il regime carcerario duro, molto duro ed è giusto che sia così’. I camorristi devono saperlo e ricordarselo: se intraprendono quella strada il futuro gli potrà riservare soltanto la morte in carcere. “- è stato il commento del Consigliere Borrelli.



‘La vita sul palco’, rubrica di Antonello De Rosa

La vita sul palco di Antonello De Rosa, è questa la rubrica ideata dal giornalista Antonio Di Giovanni per la sua trasmissione, “La grande bellezza, Non Solo Portici”, in onda ogni venerdì sera su Quarta Rete e Radio Play Tag.

La rubrica affidata al regista e attore Antonello De Rosa ha il compito di raccontare il teatro, attraverso la prosa teatrale e gli ospiti che De Rosa, di volta in volta avrà nel suo salotto televisivo. Ospiti di grande rilievo nazionale accompagneranno il pubblico ad una vera e profonda riflessione sull’emergenza culturale che il mondo dell’arte tutto sta attraversando. “La trasmissione” afferma Di Giovanni “è un contenitore in ...


Iscriviti alla Newsletter

* campi obbligatori

Altre Notizie

Campania: 1.123.459 vaccini, 300mila anche con seconda dose

Il totale delle somministrazioni ammonta a 1.123.459. I dati sono aggiornati alle 12 di oggi.
Leggi tutto

Napoli, pistola e droga sequestrate nella zona Mercato

Gli agenti hanno sequestrato pistola e droga nella zona Mercato durante un servizio di controllo
Leggi tutto

Gli Usa sospendono la somministrazione di J&J per timore trombi

Gli Stati Uniti hanno deciso di sospendere l'uso del vaccino Johnson&Johnson per timore di trombi dopo 6 casi.
Leggi tutto

Frodi carburanti: gli arrestati gestivano un bene confiscato ai clan

Raffale Diana, attraverso figli e cognati, gestiva alcuni lotti di un importante bene confiscato alla mafia casalese
Leggi tutto

Napoli, interrotte due feste: sanzionate 30 persone

Ai Decumani festeggiano il compleanno in strada. Sanzionate 15 persone. In via Luigi Settembrini interrotta festa in un’abitazione.
Leggi tutto

Napoli, circa 800 Kg di rame recuperato e oltre 1 tonnellata di batterie esaurite

Operazione “ORO ROSSO” Campania: controlli straordinari della Polizia di Stato contro il fenomeno dei furti di rame in ambito ferroviario
Leggi tutto

Sovraffollamento Carceri: problema non è solo quanti sono ma anche che cosa fanno

Un recentissimo rapporto del Consiglio di Europa indica che le carceri italiane sono le più sovraffollate dell’Unione Europea.
Leggi tutto

Napoli, il boom dei Femminicidi: da Alessandra Madonna ad Ornella Pinto

Giovedì ore 15.30 al Suor Orsola "L'emergenza pedagogica della violenza di genere" - In occasione della cerimonia di consegna delle...
Leggi tutto

Muore per un malore in Circum: treni fermi a Torre del Greco

Binario unico lungo la tratta Torre Annunziata e Torre del Greco. Istituito un servizio navetta bus
Leggi tutto

Napoli, piazza Pepe invasa da immondizia e topi

Il cuore di Napoli come le periferie sudamericane. Borrelli: “Allucinante, è lo specchio della situazione in città"
Leggi tutto

Controlli covid a Castellammare: bar chiuso e 9 sanzionati

Operazione dei carabinieri. Un bar chiuso per 5 giorni perché all’interno del locale sono stati trovati alcuni clienti che consumavano...
Leggi tutto

Il palazzetto dello Sport di Pozzuoli diventa hub vaccinale

Raggiunto l'accordo tra l'amministrazione comunale e l'Asl Napoli 2 Nord
Leggi tutto

‘I bagnanti’ di Rocco Anelli, una piccola galleria di opere d’arte

“Un romanzo involontario, scritto dagli stessi personaggi che racconta”
Leggi tutto

Monet, il nuovo singolo di Plug feat. Lele Blade

Tra i rapper più promettenti della scena campana, Plug ha solo 14 anni
Leggi tutto

Finto invalido su sedia a rotelle, è stato ripreso mentre scendeva dal furgone

Aveva ottenuto l'invalidità civile al 100% con totale e permanente inabilità lavorativa e necessità di assistenza continua
Leggi tutto

A1 in tilt nel Casertano, chilometri di coda per marcia dei mercatali

I mercatali, così come annunciato, si sono messi in marcia verso Roma per l’incontro al Mise
Leggi tutto

Contrabbando di sigarette e alcol: 7 arresti

L'operazione della Guardia di Finanza in provincia di Foggia e a Napoli. Il gruppo trafficava anche cocaina. Indagate altre 15...
Leggi tutto

Esami gratis in ospedale Caserta, processo per Zinzi e altri trenta

Il Gup del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha rinviato a giudizio gli imputati accusati di peculato d'uso
Leggi tutto

Guerra tra clan, spari a Ponticelli: l’obiettivo era Fabio Risi

Gli inquirenti hanno scoperto dei fori di proiettile conficcati in un'auto: potrebbe essere un agguato fallito
Leggi tutto

Grumo Nevano, rubavano energia elettrica per le loro case: denunciati in 3

I contatori delle loro abitazioni erano stati manomessi per rilevare consumi elettrici falsati.
Leggi tutto

Altro Cronaca


Cronache Tv



Ti potrebbe interessare..