foto di repertorio


Il rapporto semestrale (gennaio-giugno 2020) della Direzione investigativa antimafia ha certificato la permanenza del forte radicamento e l’operatività del Clan dei Casalesi nel territorio casertano.

Nonostante i boss storici siano ormai in carcere da anni, per la Dia i gruppi criminali delle famiglie di vertice, Schiavone, Zagaria e Bidognetti non avrebbero subito disgregazioni o destabilizzazioni. Le cosche dei Casalesi, oltra a gestire le ‘solite’ attività come estorsioni, usura, traffico di stupefacenti, gioco e scommesse illegali, si stanno organizzando, dall’analisi dei dati, in sempre nuove modalità di azione, puntando su un consolidamento delle relazioni con quell’area grigia della Pubblica Amministrazione e dell’imprenditoria. L’assenza di omicidi, secondo la Dia, è ormai un elemento distintivo del clan dei Casalesi, frutto di una precisa scelta strategica. Il rapporto semestrale evidenzia la leadership all’interno del cartello della fazione Schiavone. Sempre più frequente, inoltre, si rileva il ricorso al traffico e alla vendita di sostanze stupefacenti, campo che nel passato, nella visuale strategica Casalese, era solo episodicamente contemplato.

La cosca continuerebbe, dalle analisi, ad operare nella gestione di appalti pubblici e nel settore agroalimentare. Quest’ultimo di grande interesse anche per il gruppo Zagaria di Casapesenna, che viene considerato dalla Dia come quello che meglio rappresenta il cosiddetto “clan impresa”, essendo in grado di occupare, stando al rapporto, quasi in regime di monopolio, interi settori economici.

LEGGI ANCHE  I clan nel mercato dei carburanti, 45 misure cautelari e 71 denunciati

Ma, stando al rapporto semestrale della Dia, oltre ai Casalesi ci sarebbero altre fazioni camorristiche solide e attive nel territorio casertano. Il clan Belforte rappresenta una delle realtà camorristiche più radicate da anni e attive nel territorio di Marcianise, nel capoluogo, nonché, attraverso gruppi ‘satellite’ nei comuni di San Nicola la Strada, San Marco Evangelista, Casagiove, Recale, Macerata Campania, San Prisco, Maddaloni e San Felice a Cancello. Un gruppo criminale che ha mostrato, dai dati, un rinnovato interesse per il narcotraffico. Come i Casalesi, stando al report della Dia, anche loro sarebbero supportati da imprenditori asserviti. Restando nello stesso ambito territoriale, si evidenzia anche l’operatività di piccoli gruppi a struttura familiare come il clan Menditti presente a Recale e a San Prisco; i Bifone a Macerata Campania, Portico di Caserta, Casapulla, Curti, Casagiove e San Prisco. Nel comprensorio di San Felice a Cancello, Santa Maria a Vico e Arienzo è operativo un gruppo che costituisce una derivazione della famiglia Massaro. A Santa Maria Capua Vetere sarebbero presenti il gruppo Del Gaudio-Bellagiò e l’antagonista Fava, significativamente indebolito dalla scelta di collaborare con la giustizia intrapresa da affiliati di spicco.

LEGGI ANCHE  L'Editore Diego Guida un gioiello d'Eccellenza nel panorama Italiano, del territorio Campano

Nell’area dei Comuni di Pignataro Maggiore, Vitulazio e Sparanise permane l’incidenza del clan Ligato. Nel contesto di Sparanise, Calvi Risorta e Teano è attiva, attraverso propri referenti, la famiglia Papa. A Mondragone permane la presenza criminale del cartello Gagliardi-Fragnoli-Pagliuca (eredi del clan la torre), vicino alla famiglia Bidognettti. Nei comuni di Sessa Aurunca, Cellole, Carinola, Falciano del Massico e Roccamonfina continua l’azione di contrasto nei confronti del clan Esposito, detto dei ‘Muzzuni’. L’area di Castel Volturno, per la Dia, è fortemente contaminata dalla presenza del clan Bidognetti (Casalesi), ed è considerata l’espressione della coesistenza tra organizzazioni camorristiche e criminalità nigeriana-ghanese, diventando punto di riferimento dei traffici internazionali di droga e della massiva gestione della prostituzione su strada.

Questi sodalizi stranieri hanno acquisito il controllo di alcuni tratti del litorale Domitio. Anche la criminalità albanese ha del resto acquisito una posizione di primo piano nel panorama casertano. Si rileva inoltre, dal report semestrale, la presenza di bande provenienti dall’est europeo, attive nei settori dello sfruttamento della prostituzione, delle rapine e delle estorsioni con il sistema del cosiddetto cavallo di ritorno.




Iscriviti alla Newsletter

* campi obbligatori

Altre Notizie

Edurne Portela, scrittrice e giornalista, ospite dell’Instituto Cervantes

Mercoledì 14 aprile, dialogo con Paola Gorla in diretta streaming
Leggi tutto

Vaccini, in Campania oggi convocazioni regolari

E De Luca continua a chiedere che l'accumulo delle dosi Astrazeneca vada alle categorie economiche
Leggi tutto

Oroscopo di oggi la giornata segno per segno

le previsioni dello Zodiaco per oggi 13 aprile
Leggi tutto

Riportate a Napoli le due lesene rubate dalla Chiesa di Caponapoli

Erano state trafugate nel 1991. Erano finite in una casa d'aste di Genova
Leggi tutto

A scuola in attesa di tampone poi positivo. Classe in isolamento a Castellammare

Il caso alla scuola elementare Basilio Cecchi
Leggi tutto

I Casalesi e le mani sugli idrocarburi: oltre 100 gli indagati

Anche un carabiniere infedele tra gli arrestati. Le penetrazione della cosca nel territorio 'pulito del Vallo di Diano in provincia...
Leggi tutto

Bufera social su Ibrahimovic a pranzo a Milano in zona rossa

Il Milan lo difende: 'Era un incontro di lavoro'. Ma il suo avvocato prende le distanze: 'Non doveva farlo'
Leggi tutto

Napoli, 11 punti in più rispetto alla scorsa stagione

La squadra allenata da Gattuso, con 8 giornate al termine, ha conquistato 59 punti, ben 11 in più rispetto alla...
Leggi tutto

Strage dei Georgofili, caccia ai mandanti occulti: perquisito un sindaco

I magistrati toscani dispongono nuovi accertamenti in Piemonte: ascoltato Giuseppe Graviano nel carcere di Terni e tappa a Palermo per...
Leggi tutto

Covid: 3 classi in isolamento a Torre del Greco dopo due casi

Tre classi in isolamento fiduciario a Torre del Greco dopo i primi due casi di positivita' al Covid registrati nelle...
Leggi tutto

Napoli, deposito di sigarette di contrabbando in appartamento confiscato al clan Contini

Un appartamento confiscato alla criminalita' organizzata era diventato il deposito per mezza tonnellata di sigarette di contrabbando.
Leggi tutto

Vaccinazione a Napoli: ‘recuperate’ 4800 dosi per domani

L'Asl Napoli 1 e' riuscita a recuperare alcune piastre di vaccini mettendo insieme le dosi che erano riservate agli assenti...
Leggi tutto

Pianura, l‘emblema del degrado, dell’inciviltà e dell’abbandono delle istituzioni

Via Padula, una strada alberata, usata come discarica
Leggi tutto

Gianni Fiorellino: ‘C’era un volta Peter Pan’ il nuovo album

Questa sera alle ore 22 in diretta streaming sulla pagina Facebook
Leggi tutto

Giornata nazionale della Salute della Donna, Cardarelli in prima linea per prevenzione al femminile

L’impegno in favore delle donne dell’Azienda Ospedaliera Antonio Cardarelli di Napoli è stato premiato con due Bollini Rosa
Leggi tutto

Nola: in giro con la patente revocata, fugge. Arrestato

I poliziotti hanno accertato che il conducente, alla guida di un’auto sottoposta a sequestro amministrativo, era privo della patente di...
Leggi tutto

Ercolano: i locali del centro vaccinale in adiacenza della scuola materna

Cgil, Cisl, Uil Fp Napoli chiedono maggiore sicurezza.
Leggi tutto

Pressing di Fipe Confcommercio sul Governo: ‘Subito la riapertura di tutti i pubblici esercizi’

Russo: ‘Vogliamo una data certa e un piano di rilancio economico per le attività’
Leggi tutto

Storie di Napoli lancia la prima raccolta fondi per realizzare 50 targhe storiche al Vomero

A partire da lunedì 12 aprile 2021 comincerà la raccolta dei fondi necessari per stampare e installare le targhe lungo...
Leggi tutto

Covid, Campania di nuovo prima in Italia per positivi

In calo la curva epidemica in Italia. I nuovi casi nelle 24 ore sono 9.789. Sono invece 358 le vittime...
Leggi tutto


Cronache Tv



Ti potrebbe interessare..