Il gip di Torre Annunziata, Emma Aufieri ha “riaperto” le indagini sulla morte di , detta Sara, la 36enne di , deceduta la notte del 3 giugno 2015 nella sua casa coniugale di Pompei, secondo le indagini dell’epoca per cause naturali.

Non solo. Il giudice, dopo avere accolto la richiesta di archiviazione nei confronti del marito della donna per il reato di omicidio, ha chiesto allo sostituto procuratore di Torre Annunziata di formulare entro dieci giorni, sempre nei confronti del marito di Sara Aiello, l’imputazione per . Il marito di Sara, , che era con la moglie quel tragico giorno, riprese in un video girato col telefonino, l’agonia di Sara (immagini poi consegnate agli inquirenti) dicendo che fu il medico al quale si era rivolto quando la donna accuso’ i malori a chiedergli di girarlo, per cercare di formulare una diagnosi piu’ precisa.

La famiglia di Sara, non ha mai credito alle cause naturali come spiegazione della morte della 36enne. Anzi. Sollevarono parecchi dubbi su quella morte dicendo che fosse stata avvelenata. Un’autopsia eseguita sui resti riesumati di Sara nel gennaio 2020 evidenzio’ che la sua morte era riconducibile a una cardiopatia ereditaria congenita, scagionando cosi’ il marito sul quale erano caduti i sospetti di avvelenamento dei parenti della vittima.

Oggi, giunge, invece, la richiesta del giudice di imputazione nei confronti del marito della vittima e di ulteriori indagini, da compiere nell’arco di tre mesi, nei confronti di tre medici che l’ebbero in cura. I fratelli della vittima sono difesi dall’avvocato Fabio Carbonelli e dall’avvocato e professore Alfonso Furgiuele che si sono anche avvalsi della collaborazione dei consulenti americani della Emme Team per le indagini difensive.



Cronache Tv



Ultimi Video dai TG

Ti potrebbe interessare..