foto dal web

Rider aggredito a Secondigliano: verifiche della Procura sui promotori della raccolta fondi

La Procura della Repubblica di Napoli sta facendo accertamenti sui sostenitori della colletta che ha preso il via subito dopo la notizia dell’aggressione e del furto perpetrato la notte tra l’1 e il 2 gennaio scorsi ai danni di un rider napoletano, Giovanni Lanciato, di 50 anni, a cui una banda composta da sei giovanissimi ha rubato lo scooter. Lo riportano organi di stampa. L’iniziativa, che consenti’ di raccogliere donazioni per circa 10 mila euro, scatto’ proprio con l’obiettivo di riacquistare il mezzo al 50/enne il quale pero’, nel giro di poco tempo, se lo e’ visto riconsegnare dalla Polizia, riuscita rapidamente a individuare i responsabili e a recuperare il maltolto.

LEGGI ANCHE  Centro benessere di Saviano trasformato in casa d'appuntamenti: arrestata 46enne

Proprio per questo motivo Lanciato decise di rinunciare a quei soldi. Al momento non risultano indagati ma l’attenzione degli investigatori e’ rivolta verso un gruppo di imprenditori dell’area nord di NAPOLI, alcuni dei quali con parentele nella criminalita’ organizzata. A far scattare gli accertamenti sono state le immagini (video e foto) in cui la vittima della rapina rinuncia alla somma di denaro raccolta mentre e’ accanto agli imprenditori promotori dell’iniziativa

Napoli, sorpresi in una sala scommesse in piazza Mercato: sanzionati

Notizia Precedente

Covid, troppi contagi: il comune di Colliano in provincia di Salerno va in lockdown

Prossima Notizia

Iscriviti alla Newsletter per leggere le ultime notizie


Ti potrebbe interessare..

;