Seguici sui Social

Caserta e Provincia

Rapina con sequestro dipendenti in un’azienda di Marcianise: arrestato 40enne di Napoli

PUBBLICITA

Pubblicato

il


Rapina con sequestro dipendenti in un’azienda di Marcianise: arrestato 40enne di Napoli, è caccia ai complici

Un cinquantenne di Napoli è stato arrestato dalla Polizia di Stato per una rapina con sequestro di persona commessa l’8 aprile del 2019 in un’azienda di logistica, stoccaggio e distribuzione di prodotti per l’abbigliamento situata all’interporto di Marcianise (Caserta).

L’uomo è finito in carcere su ordine del Gip del Tribunale dei Santa Maria Capua Vetere, che ha accolto la richiesta di carcerazione preventiva avanzata dalla Procura guidata da Maria Antonietta Troncone. E’ caccia ai complici. Dalle indagini realizzate dalla Squadra Mobile della Questura di Caserta, è emerso che il malvivente rapinatore faceva parte di una banda specializzata in rapine, che nell’aprile 2019 realizzò l’assalto armato all’azienda casertana.

LEGGI ANCHE  La Finanza nella sede dell'Iss per acquisire le carte del piano pandemico 

I banditi – hanno accertato gli inquirenti – arrivarono a bordo di due autocarri telonati; alcuni restarono nei mezzi parcheggiati nel retro dell’azienda, altri, armati di pistole, sorpresero otto operai della ditta in servizio, li sequestrarono privandoli dei cellulari, e li costrinsero a radunarsi nel cassone di un camion bandito agì insieme ad una banda; due di essi furono poi obbligati a caricare con un muletto, sugli autocarri dei banditi, i colli con i capi di abbigliamento di un noto marchio.

Ultimato il carico, alcuni rapinatori si allontanarono con i mezzi pesanti, gli altri con le auto dei dipendenti dell’azienda. Tra le auto che faceva da staffetta ai banditi anche quella in uso al 50enne, che è stata poi trovata e ha permesso alla Polizia di Stato di identificarlo.

 



Continua a leggere
Pubblicità

Caserta e Provincia

A Caserta si prepara un un murale per il 25enne morto per i botti di Capodanno

Pubblicato

il

A Caserta si prepara un un murale per il 25enne morto per i botti di Capodanno.

 

È stata avviata una raccolta fondi per realizzare un murale dedicato a Domenico Di Giacomo, il 25enne morto in seguito a una deflagrazione a Capodanno. Gli amici hanno avviato una raccolta fondi per poter finanziare l’opera.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Morto a Caserta dopo i botti di Capodanno: indagati il fratello e un amico

“Domenico era per noi un fratello e ognuno di noi ha un bellissimo ricordo con lui. Era conosciuto in città per l’arte che aveva, ed era conosciuto bene nel suo quartiere perché sorrideva sempre, 365 giorni all anno – si legge sul sito che si occupa della raccolta – Un ragazzo che non conosceva cattiveria. Facciamo una raccolta per dedicargli un murale e per risolvere i danni dell’esplosione che sono avvenuti durante quella notte dove Domenico ci ha lasciato. Il murales rappresenterà una realtà, quella di un ragazzo che con mille difficoltà ce l’ha fatta”.

Continua a leggere

Le Notizie più lette