magistratura e politica


Magistratura e politica, il Pg Riello: ‘No a treni andata e ritorno’

“Basta con i treni andata e ritorno tra magistratura e politica, con i pm super-star che frequentano i talk-show. Io li vedo come una negazione”. Replica dura, da parte del procuratore generale di NAPOLI Luigi Riello alle domande dei giornalisti che, durante la conferenza stampa on-line di presentazione dell’anno giudiziario 2021, gli hanno chiesto un parere sui collegamenti tra magistratura e politica come sta accadendo di recente nel capoluogo con il sostituto procuratore generale Catello Maresca il cui caso e’ al vaglio del CSM. Riguardo la vicende del magistrato antimafia partenopeo e della sua candidatura a sindaco di NAPOLI, Riello ha ricordato di avere “segnalato il caso e fornito tutti gli elementi agli organi preposti affinche’ possano valutare in piena serenita’”.

Secondo il presidente della Corte di Appello di NAPOLI, anche lui collegato in videoconferenza, tra magistratura e politica “meno rapporti ci sono, meglio e'”. Se poi si decide di entrare in politica, ha aggiunto, “allora decidi anche di aderire a una fazione e di apparire”, due elementi, secondo De Carolis, “che poco si conciliano con la figura del magistrato”. Per Riello, infine, “un magistrato non puo’ candidarsi nel luogo dove esercita l’azione inquirente”.


Google News

Napoli: 23 convocati di Gattuso per lo Spezia in Coppa Italia

Notizia precedente

Arbitri Serie A: La Penna per Napoli-Parma e Pasqua per Inter-Benevento

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..