Caserta, morto il 24enne ferito durante l’esplosione di Capodanno

SULLO STESSO ARGOMENTO

Caserta, morto il 24enne ferito durante l’esplosione di Capodanno.

Dopo 8 giorni di ricovero in ospedale, non ce l’ha fatta Domenico Di Giacomo, il 24enne rimasto gravemente ferito in seguito alla forte esplosione causata da un botto a Capodanno a Caserta. Stando alla ricostruzione delle forze dell’ordine il giovane, assieme ai due fratelli, avrebbe ammassato dei botti nella notte fra il 31 dicembre e il primo gennaio innescando una forte deflagrazione.

L’onda d’urto li avrebbe spazzati via ferendoli. Il 24 enne, che a quanto pare sarebbe stato il più vicino alla miccia, aveva riportato le ferite più gravi. Le sue condizioni erano apparse subito critiche e, dopo otto giorni, il suo cuore ha smesso di battere.
Secondo quanto accertato dai carabinieri, che indagano sul caso, Di Giacomo, insieme a due fratelli, intorno alla mezzanotte e mezza, quando le esplosioni dei botti sembravano diminuire, aveva ammassato a mo’ di piramide numerosi petardi per ottenere una grossa e rumorosa deflagrazione. L’onda d’urto li colpì in pieno. Il 24enne era il più grave dei tre. Si attendeva il trapianto di pelle ma purtroppo il suo cuore ha smesso di battere.

Con il decesso del giovane cambia anche l’ipotesi di reato formulata dalla Procura che passa da lesioni ad omicidio colposo. Indagini sono tuttora in corso.


Torna alla Home


Il video della violenta aggressione ad Antonio Morra e il pugno che gli ha causato la morte

Le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza del Mandela Forum la sera di giovedì sono chiare: una discussione,  un pugno e una caduta dalle scale. Così ha perso la vita Antonio Morra, 47 anni, originario di Napoli ma residente a Pistoia: è stato aggredito dopo il concerto dei Subsonica...

Sciame sismico anche sul Vesuvio, scossa in serata di magnitudo 2.1

Una domenica bestiale: e non è certo quella cantata anni fa da Fabio Concato. E' quella che hanno vissuto tutti i cittadini dei comuni dei Campi Flegrei e di buona parte della città di Napoli. Poi nei pomeriggio ci si è messo anche il Vesuvio. Perché anche l'area del Vesuvio...

Nisida, rimossi gli ormeggi abusivi dai fondali

“Ringrazio la Capitaneria di Porto e l’Autorità di sistema portuale di Napoli per aver coordinato sabato mattina un intervento importante sul litorale di Nisida grazie al quale sono stati rimossi dai fondali diversi ‘corpi morti’ utilizzati dagli ormeggiatori abusivi per ancorare le barche dei loro clienti. Grazie a questa...

Scampia, droga nascosta nel tubo: arrestato 19enne

Nel pomeriggio di ieri, durante un servizio di controllo del territorio a Scampia, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico hanno osservato due uomini vicino ai porticati di un edificio in via Annamaria Ortese. I due hanno estratto qualcosa da un tubo cementato nell’asfalto e l'hanno scambiata con una...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE