foto dal web


Tre su dieci, tra ristoranti, pub e bar restano chiusi. Confesercenti Campania sottolinea “l’importanza della riapertura, anche se solo per due giorni”.

Secondo le stime e le informazioni in possesso di Confesercenti circa il 70% delle attività ha deciso di riaprire oggi e domani. “Il dialogo aperto con la Regione – dice il presidente di Confesercenti Campania Vincenzo Schiavo – ha prodotto questa apertura che non era affatto scontata. L’incontro che, insieme ai vertici regionali di Fiepet (Federazione Italiana degli esercenti pubblici e turistici) Politelli e Martucci, abbiamo avuto con l’assessore regionale Marchiello ha generato una boccata d’ossigeno importante, dato il momento, per ristoratori e lavoratori.

LEGGI ANCHE  Covid: oltre 2,1 milioni di morti nel mondo

Leggi anche: https://www.cronachedellacampania.it/2021/01/mann-e-madre-un-patto-per-larte-e-per-la-citta/?refresh_ce

In Campania contiamo 18mila ristoranti e 38mila tra bar e vinerie: di queste 56mila attività, che danno lavoro ad oltre 200mila lavoratori, almeno 36mila stanno aprendo in queste 48 ore, con un incasso di oltre 36 milioni di euro di fatturato e con l’impiego di circa 130mila dipendenti.

Vincenzo Schiavo

Una opportunità – spiega Schiavo – anche per i lavoratori, perché in questo modo gira, anche se solo un po’, l’economia e si garantisce il minimo indispensabile anche ai dipendenti, che ancora attendono la cig da alcuni mesi. Ecco perché riteniamo – conclude Schiavo – che sia stato importante ottenere questa riapertura di due giorni, in attesa di avere un chiaro, certo e lungimirante calendario di apertura e chiusura delle nostre attività, che necessitano di programmazione”.

Covid, Postiglione: ‘Potremo immaginare collaborazione con privati sui vaccini’

Notizia Precedente

Policlinico Vanvitelli. Emergenza Covid, con i fondi raccolti acquistata una nuova TAC

Prossima Notizia

Iscriviti alla Newsletter per leggere le ultime notizie


Ti potrebbe interessare..