Uccise imprenditore per debiti non onorati, confermati 22 anni e 6 mesi di carcere

Nessuna legittima difesa, ma un omicidio volontario per il quale Paolo Messina, imprenditore termoidraulico di Benevento dovra' scontare 22 anni e 6 mesi di reclusione.

google news
foto da google

Nessuna legittima difesa, ma un omicidio volontario per il quale Paolo Messina, imprenditore termoidraulico di Benevento dovra’ scontare 22 anni e 6 mesi di reclusione.

La corte di Cassazione ha infatti respinto il ricorso dell’imputato contro la sentenza di Appello che riduceva appunto a 22 anni e 6 mesi la condanna di 25 inflitta in primo grado dal tribunale di Benevento. Messina il 25 novembre 2013 uccise a colpi di pistola un altro imprenditore, titolare di un pastificio a Benevento, Antonio Rosiello, 41 anni. Lo attiro’ con una scusa in rione Liberta’, esplose alcuni colpi di pistola e poi scappo’.

uccise imprenditore per debiti non onorati

Fu pero’ subito rintracciato e arrestato dalla Squadra mobile. Una storia di debiti non onorati e che Messina non era in grado di sostenere, avevano spinto il piccolo imprenditore a uccidere Rosiello. Nel 2015 L’uomo torno’ in liberta’ per decorrenza dei termini, poco prima che il tribunale di Benevento emettesse la sentenza di condanna. E in aula non si presento’, perche’ era riuscito a scappare in Croazia, in sella alla sua moto. Fu poi rintracciato dalla polizia locale e arrestato, ed e’ stato estradato in Italia soltanto nel 2018. Da allora e’ rinchiuso nel carcere di Benevento.

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Napoli, minaccia in vivavoce madre e fratello dagli uffici nella caserma dei carabinieri: arrestato

Napoli, minaccia in vivavoce madre e fratello dagli uffici nella caserma dei carabinieri: arrestato 50enne di Secondigliano. Dovrà rispondere di maltrattamenti in famiglia un 50enne...

Torre del Greco, spacciavano ai domiciliari: arrestati coniugi

A Torre del Greco i carabinieri perquisiscono casa e trovano droga e soldi. In manette Giuseppe Terrone e Maria Anna Farese

Fridays for future, in migliaia a Napoli: protesta contro le navi nel porto

A Napoli movimenti studenteschi, ambientalisti, sindacati insieme per la mobilitazione indetta dai Fridays for future.

Ercolano: minaccia vicino con un coltello, in casa ha un arsenale. Denunciato 28enne

Ieri mattina gli agenti del Commissariato di Portici-Ercolano, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa, sono intervenuti in via...

IN PRIMO PIANO

Pubblicita