Seguici sui Social

Caserta e Provincia

Torna libera anche l’altra sorella del boss Michele Zagaria

Beatrice Zagaria, sorella maggiore del boss era considerata la cassiera del Casalesi

PUBBLICITA

Pubblicato

il

foto di repertorio


Ha finito di scontare una condanna di tre anni ed e’ tornata libera Beatrice Zagaria, sorella maggiore del capoclan dei Casalesi Michele Zagaria, che era ristretta ai domiciliari.

La donna, 65 anni, era stata arrestata nel dicembre 2017 insieme alle cognate (le mogli dei tre fratelli Antonio, Carmine e Pasquale) nell’ambito di un’indagine della Dda di Napoli, che la riteneva organica al clan, con il ruolo di “portavoce” verso l’esterno della volonta’ del fratello boss recluso al 41bis, e di pagamento degli stipendi a familiari con i proventi delle attivita’ illecite.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Finisce in carcere Beatrice Zagaria la sorella del boss Michele: era la cassiera dei Casalesi

In primo grado la Zagaria era stata condannata a sei anni e otto mesi per associazione camorristica e ricettazione con l’aggravante mafiosa, poi ridotti in appello a tre anni in quanto e’ caduta la piu’ grave accusa di aver fatto parte del clan. A meta’ gennaio si terra’ l’ultimo grado del processo alla Cassazione.

LEGGI ANCHE  Torna 'Il Sud in Diretta', a cura di Q.M. con Gino Giammarino

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Torna libera la sorella del boss Michele Zagaria

Il 19 ottobre scorso e’ tornata in liberta’, a Casapesenna, comune di origine e residenza della famiglia Zagaria, anche l’altra sorella di Michele Zagaria, Elvira, che ha avuto nel clan, un ruolo forse ancora piu’ importante di Beatrice, ovvero quello di occuparsi degli appalti dell’ospedale di Caserta, fatti per i quali e’ stata condannata a sette anni con sentenza definitiva; proprio ad ottobre Elvira ha finito di scontare quasi tutta la pena, cinque anni e nove mesi, avendo usufruito della liberazione anticipata.


Continua a leggere
Pubblicità

Caserta e Provincia

Al Policlinico di Caserta ripartono dopo 20 anni i lavori

Il Policlinico sarà ultimato entro 32 mesi

Pubblicato

il

Riprenderanno domani con un sopralluogo istituzionale i lavori nel cantiere del Policlinico universitario di Caserta, opera pubblica attesa da più di 20 anni.

Al sopralluogo, che coincide con una reale ripartenza del cantiere, saranno presenti il sindaco Carlo Marino, il rettore dell’Università della Campania Luigi Vanvitelli (proprietaria e committente dell’opera) Gianfranco Nicoletti, e il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca.

L’opera era ferma da tre anni e alla ripartenza si è arrivati il 17 dicembre con la firma sull’atto di transazione tra l’ateneo, la società appaltatrice Condotte e il Mise.

LEGGI ANCHE  Tangente da 10mila euro: arrestato funzionario del Comune di Torre Annunziata

Il Policlinico sarà ultimato entro 32 mesi, mail polo della didattica, che ospiterà circa cinquemila studenti, dovrebbe essere pronto entro 20 mesi dalla ripartenza. Il Policlinico di Caserta coprirà una superficie complessiva di 250 mila metri quadri.

Continua a leggere

Le Notizie più lette