foto comunicato stampa

Galleria Primo Piano aderisce all’evento di arte “CONTEMPORANEAMENTE” con una personale di Pier Paolo Patti a cura di Antonio Maiorino Marrazzo.

CONTEMPORANEAMENTE è un opening collettivo di 34 spazi per l’arte contemporanea campani.

Dal 17 al 19 dicembre | ore 11.00 – 19.00

DISPOSIZIONI PER LA VISITA DELLA MOSTRA
L’ingresso a Galleria Primo Piano (Via Foria, 118 – Napoli) sarà consentito ad un massimo di due persone per volta previo appuntamento, osservando il distanziamento sociale e tutte le misure per contrastare e contenere la diffusione del Covid-19.
La prenotazione si può effettuare telefonando al +39 3394158641 oppure scrivendo a primopianonapoli@gmail.com
o anche su Facebook

Leggi anche: https://www.cronachedellacampania.it/2020/12/italia-come-la-germania-arriva-la-stretta-di-natale-tutta-la-nazione-rossa-nei-festivi/

LEGGI ANCHE  A Benevento assegnati oltre 18 milioni di euro per la realizzazione del depuratore dei reflui della Città


Sìstole e diàstole sono il binario sul quale scorrono, imprigionate nella piatta campitura televisiva, le figure dell’informazione. Figure che sono intese nel loro significato originario di finzione. Se nella metrica classica la sìstole e la diàstole sono contrazione di accento e allungamento di vocale qui, dove la voce delle sagome deformate è spenta, quelle soluzioni usate per l’armonia del verso diventano fisiologia cardiaca in un ciclo di eterno ritorno dell’uguale. Una pompa respiratoria si sovrappone ad altri suoni del mondo mentre il contatore inesorabile misura l’infinito. Informazione e deformazione, restringimento e dilatazione sono i movimenti dell’opera pensata da Pier Paolo Patti che trasforma le figure cancellandone la loro artificiosa apparizione, distruggendone il carattere canonico dell’illustrazione e della narrazione. Informare è, per la maggior parte dei casi, dare forma con una precisa volontà dettata dal potere affinché quella forma si trasformi in propaganda attraverso una continua estenuante ripetizione. Una rappresentazione della realtà che si consolida, seppur sfilacciandosi, rivelando che l’unico dato oggettivo è quel numero che scorre ineluttabile e concreto, l’unico dato che sfugge alla prigionia.
[Antonio Maiorino Marrazzo]

LEGGI ANCHE  Covid, scende l'indice del contagio in Campania ma ancora 47 morti

 

Scrivi la tua opinione


Entrano nel parco archeologico di Pompei chiuso, denunciati due fidanzati

Notizia Precedente

Max e Veronica e #Sweethomemusic: the Lookdown Sessions ed è Natale

Prossima Notizia


Iscriviti alla Newsletter per leggere le ultime notizie


Ti potrebbe interessare..