OSPEDALI DE LUCA

Aveva ricevuto gia’ un invito a dedurre, ora e’ destinatario di una richiesta di risarcimento danni. Vincenzo De Luca, presidente della Giunta della Campania deve oltre 403.000 euro alla Regione.

La quantificazione del danno e’ della Corte dei Conti territoriale che ha depositato un atto nell’ambito di un procedimento relativo all’aggregazione al negli uffici di staff di presidenza di alcuni vigili urbani a Salerno. Il fascicolo relativo e’ affidato nella sezione presieduta da Maurizio Stanco. Sulla vicenda era gia’ stata aperta una inchiesta dalla procura di Napoli retta da Giovanni Melullo. Quattro vigili urbani di Salerno sarebbero stati ‘promossi’ con relativo aumento di stipendio in Regione con il ruolo di addetti o responsabili di segreteria senza averne i requisiti necessari.

L’indagine della procura napoletana e’ partita dopo un incidente avvenuto il 15 settembre del 2015 a Salerno. L’auto blu del presidente della Regione investi’ una ragazza in scooter di 22 anni, mentre percorreva una strada in senso vietato. L’autista fu identificato e si scopri’ che era un vigile urbano che pero’ faceva da autista al ‘governatore’ Vincenzo De Luca. Il pm Ida Frongillo e il procuratore aggiunto Vincenzo Piscitelli apri’ un fascicolo e la Corte dei Conti un’altro per valutare se ci fossero ipotesi di danno erariale.

Dal punto di vista penale, le ipotesi di reato erano di abuso in atti d’ufficio e truffa, ma l’inchiesta corre verso l’archiviazione perche’ e’ prerogativa del presidente della Regione nominare i membri del suo staff. Dal punto di vista amministrativo e di danno erariale la situazione sarebbe piu’ complicata. I pm contabili sostengono che il presidente avesse promosso i vigili all’interno del suo staff con l’obiettivo di garantire loro un’indennita’ extra di 4.600 euro lordi l’anno. Vincenzo De Luca e’ stato anche interrogato nei periodi di lockdown spiegando che si trattava di una scelta fatta secondo la legge e la discrezionalita’.


Di La Redazione

Ti potrebbe interessare..