Acerra, non vedente preso di mira da una banda di ragazzini che gli sparano addosso con pistole ad aria

SULLO STESSO ARGOMENTO

Acerra, non vedente preso di mira da una banda di ragazzini che gli sparano addosso con pistole ad aria

Acerra, non vedente preso di mira da una banda di ragazzini che gli sparano addosso con pistole ad aria. La denuncia dell’associazione Ciechi al consigliere Borrelli. Europa Verde: “Urge un piano di rieducazione per genitori e ragazzi, la situazione degenera giorno dopo giorno.”

L’arroganza, la viltà e la prepotenza di alcuni ragazzini allo sbando non si ferma neanche davanti a persone diversamente abili.

È accaduto che ad Acerra una persona diversamente abile sia finita sotto la mira di una banda di ragazzini che, nonostante fossero informati delle condizioni dell’uomo, ha continuato a sbeffeggiarlo e sparargli addosso dei colpi utilizzando delle pistole ad aria compressa.

    “Giacomo P. è un polizotto, durante il servizio riportò delle ferite che ne causarono la cecità, ora svolge un ruolo d’ufficio. L’altra sera era sceso in strada per gettare la spazzatura accompagnato dal cane. Li ha trovato una banda di ragazzini che hanno cominciato a sparargli addosso con delle pistole ad aria e a sbeffeggiarlo. Ha chiesto loro di smettere rilevando la sua condizione di non vedente, ma i ragazzini hanno continuato a girargli intorno con i monopattini elettrici e a sparargli.

    Giacomo ha urlato per chiedere aiuto ma nessuno è intervenuto, neanche una persona si è affacciata al balcone per vedere cosa stesse succedendo, è questa la cosa più grave, la totale indifferenza. Fortunatamente la moglie di Giacomo è riuscita a vedere alcuni di questi ragazzini, ora gli inquirenti stanno procedendo all’identificazione.”- racconta Giuseppe Fornaro, consigliere nazionale dell’Unione Nazionale Ciechi.

    “Ci auguriamo che questi piccoli delinquenti siano al più presto identificati e puniti in modo severo anche se sono dei minori. Fanno i bulli con i più deboli in perfetto stile gomorrista. Ovviamente la responsabilità del loro gesto deve ripercuotersi anche sui genitori, evidentemente non sono stati in grado di impartire la giusta educazione e di insegnare il rispetto per il prossimo ai propri figli, per questo chiediamo l’intervento dell’assistenza sociale. Nella nostra società c’è una pericolosa tendenza dei più giovani alla delinquenza e alla violenza, le colpe ovviamente sono in primis degli adulti e per questo sarebbe necessario un programma di rieducazione per genitori e ragazzi.”- sono le parole del Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli e del rappresentante territoriale del Sole che Ride Rosario Visone.






    LEGGI ANCHE

    Voragine al Vomero, i ragazzi coinvolti: “Illesi per miracolo, poteva andare molto peggio”

    "Siamo veramente fortunati, la situazione avrebbe potuto essere molto, ma davvero molto peggiore. Siamo salvi per miracolo ed è tutto grazie anche alla prontezza...

    Al Museo-FRaC Baronissi presentazione del libro ‘Poetiche Impertinenze’, di Rossella Nicolò e Giancarlo Cav...

    Venerdì 23 febbraio alle ore 18:30, nel Salone della conferenze del Museo-FRaC Baronissi, sarà presentato il libro di Rossella Nicolò e Giancarlo Cavallo POETICHE...

    Fuori venerdì 23 febbraio ‘Realness’, il nuovo singolo di Cecchy

    Nuovo singolo di Cecchy "Realness" in uscita venerdì 23 febbraio "Cecchy continua a raccontare la complessa realtà del quartiere di Ponticelli con il suo...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE