Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Coronavirus

Tredici positivi in una casa famiglia di Torre Annunziata

Pubblicato

il

torre annunziata,positivi casa famiglia


Tredici tra operatori e ospiti di una casa famiglia di Torre Annunziata  al Covid-19.

 

Si tratta di una struttura che si trova a corso Umberto I e per la cui situazione il sindaco della citta’ vesuviana ha convocato questa mattina un incontro urgente con i rappresentanti del locale Centro operativo comunale. Stando alle notizie raccolte, le prime ad avere contratto il Coronavirus sarebbero state nei giorni scorsi due operatrici sociosanitarie.

Ora sono emersi i risultati dei fatti sui loro contatti stretti all’interno della struttura, che hanno dato esito positivo per tutti i dieci ospiti e un altro Operatore socio sanitario. Preoccupazione tra i familiari degli anziani, che gia’ qualche giorno fa si erano rivolti ai carabinieri per chiedere informazioni sullo stato di salute dei loro cari.

Continua a leggere
Pubblicità

Coronavirus

Covid, il campo rom di Scampia dichiarato zona rossa: 95 positivi su 370 tamponi

Pubblicato

il

Pubblicità'

campo rom
Foto da Google
Pubblicità'

Sono 95 i risultati sui 370 effettuati tra il 25 novembre e il 2 dicembre nel campo rom di Scampia, tra la Circumvallazione esterna e via Cupa Perillo nella zona nord di Napoli.

Una percentuale di sui processati del 25,68% che ha spinto la Asl Napoli 1 Centro a valutare come misure cautelari di prevenzione l’isolamento dei e la quarantena per tutti i residenti nel campo, anche in considerazione “sia delle condizioni di vita sociale della popolazione all’interno del campo, che vede promiscuità tra i nuclei abitativi dei numerosi insediamenti abitative (strutture del tipo prefabbricato), sia della diffusa inosservanza delle basilari regole igienico-sanitarie in materia di Covid-19”.

Tutti i residenti del campo, in pratica, vanno considerati come contatti stretti dei positivi. Nella stessa nota inviata oggi all’Unità di crisi della Regione Campania la Asl evidenzia la necessità della “sorveglianza del campo per evitare ingressi o uscite”.

Le Notizie più lette