Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


I fatti del giorno

Torre del Greco, amianto abbandonato celato da teloni. Le denunce dei residenti

Pubblicato

il

torre del greco,amianto abbandonato


Torre del Greco, abbandonato celato da teloni. Le denunce dei residenti.

 

Cumuli di materiale, probabilmente, pericoloso, tra cui anche , nelle immediate vicinanze di diverse abitazioni, è ciò che accade a Torre del Greco, in .

A denunciare la situazione sono stati gli stessi residenti che si sono rivolti al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli affinché si possa trovare una soluzione alla vicenda.

“Nei pressi dell’autostrada A3 e nelle vicinanze di diverse abitazioni c’è questo terreno dove nel 2013 la società Autostrade Meridionale Spa realizzò un cantiere per la costruzione di un cavalcavia ma il progetto fu subito sospeso ma da allora il terreno è diventato un deposito di materiali abbandonati, celati da teloni, tra cui molto probabilmente anche dato che vi sono dei cartelli che avvisano del pericolo. I cittadini sono disperati, dopo tante denunce e segnalazioni, dopo ben 7 anni, non è stato fatto nulla.”- spiega , rappresentante di Europa Verde a Torre del Greco.

“Ci sembra una vicenda incredibile. Innanzitutto chiederemo una verifica del materiale abbandonato per capire se effettivamente si cela materiale pericoloso e in seguito a questo faremo in modo che la società Autostrade Meridionale si incarichi della bonifica del terreno. Si può’ rischiare un disastro ambientale oltre a mettere in serissimo pericolo la salute dei cittadini e questo è totalmente inaccettabile. Se accerteremo che vi sono state delle mancanze e delle irresponsabilità nella gestione del terreno e dei materiali allora faremo partire delle denunce. ”- è la dichiarazione del Consigliere Borrelli.

 

Cronaca Campania

Il presidente dell’Ente parco Vesuvio scrive a Giletti dopo l’immagine del vulcano che erutta il virus

Pubblicato

il

ente parco vesuvio Giletti ,vesuvio,virus
foto dal web

Il presidente dell’Ente parco Vesuvio scrive a Giletti dopo l’immagine del vulcano che erutta il virus.

L’immagine del Vesuvio che erutta il virus mostrata domenica sera nel corso di ”Non e’ l’Arena”, trasmissione condotta su La 7 da Massimo Giletti, ”danneggia un territorio intero fatto di cittadini, piccole imprese, associazioni che come ente parco cerchiamo da sempre di supportare” e che il vulcano piu’ famoso al mondo ”non e’ una minaccia ma una grandissima risorsa”.

Sono le parole contenute in una lettera inviata allo stesso Giletti dal presidente dell’Ente parco nazionale del Vesuvio, Agostino Casillo, che torna sulle polemiche sollevate dalla decisione della redazione del programma di proporre l’immagine del vulcano che erutta il virus sulle citta’ alle sue pendici per sintetizzare le presunte difficolta’ incontrate dalla comunita’ in merito alla gestione dell’emergenza pandemica.

Casillo, nella lettera inviata al conduttore di ”Non e’ l’Arena”, ricorda che ”il Vesuvio, il Monte Somma e gli 8.400 ettari che li circondano nel 1995, con decreto del Presidente della Repubblica, sono stati dichiarati parco nazionale” e come l’ente da alcuni anni stia ”lavorando al rilancio della nostra area protetta che racchiude uno dei piu’ importanti patrimoni naturalistici, geologici, storico ed archeologici del nostro Paese”. ”Con grande sforzo – prosegue il presidente dell’ente parco nazionale del Vesuvio – stiamo trasformando il nostro territorio in un grande laboratorio di politiche di sviluppo basate sulla sostenibilita’ ambientale dove il turismo sostenibile, l’agricoltura di estrema qualita’, i servizi legati alla cultura e all’ambiente sono il fulcro della nostra azione.

Dunque, l’immagine del Vesuvio che purtroppo e’ stata data danneggia un territorio intero fatto di cittadini, piccole imprese, associazioni che come ente parco cerchiamo da sempre di supportare, e che in questo periodo di grande difficolta’ stanno provando a rimanere a galla ed essere pronti per la ripartenza non appena la situazione della pandemia lo permettera”’. ”Sono sicuro – le ultime considerazioni di Agostino Casillo – che vorra’ tenere in considerazione le mie parole. Il Vesuvio non e’ una minaccia ma una grandissima risorsa e sarebbe bello se nella prossima puntata della sua seguitissima trasmissione vorra’ mostrare le immagini delle spettacolari bellezze del nostro territorio che se vorra’ potro’ fornirle con molto piacere”.


Le Notizie più lette