siani maradona
foto archivio

Alessandro Siani ricorda commosso el pibe de oro: “Diego quando ha giocato i campionati sul nostro pianeta terra in fondo per lui erano tutte partite fuori casa, ha giocato sempre in trasferta e ora mi piace immaginare che sia ritornato a casa sul suo pianeta”

“Le lacrime che scendono sul viso sono di colore azzurro e sono lacrime d’amore, non è acqua. In ogni goccia che cade ci sono le vittorie, gli scudetti, la città che rinasce, la nostra gioventù, i ricordi una vita, la nostra vita”, ricorda con grande commozione Alessandro Siani, attore e regista napoletano che ha scritto e diretto “Tre volte dieci”, spettacolo andato in scena al Teatro di San Carlo a Napoli con Diego Armando Maradona.

LEGGI ANCHE  Papa Francesco ricorda Maradona: 'In campo era un poeta, ma un uomo molto fragile'

“Gli stadi sono chiusi e in ogni casa del mondo si dovrebbe fare un minuto di raccoglimento in onore del più grande calciatore di tutti i tempi: Maradona. In molti dicevano che come calciatore era di un altro pianeta. Secondo me – aggiunge Siani – Diego quando ha giocato i campionati sul nostro pianeta terra in fondo per lui erano tutte partite fuori casa, ha giocato sempre in trasferta e ora mi piace immaginare che sia ritornato a casa sul suo pianeta”.

Leggi anche: https://www.cronachedellacampania.it/2020/11/maradona-bassolino-finito-il-lockdown-napoli-gli-dovra-dedicare-il-giusto-tributo/

Guarda il video

Maradona, Zidane: ‘Tutti volevano essere come lui’

Notizia Precedente

L’impatto dell’emergenza sanitaria sul trading dei Forex

Prossima Notizia

Iscriviti alla Newsletter per leggere le ultime notizie


Ti potrebbe interessare..

;