Seguici sui Social

Avellino e Provincia

Paziente covid va in escandescenze e ferisce un infermiere del 118

PUBBLICITA

Pubblicato

il

foto di cronache della campania

Paziente covid va in escandescenze e ferisce un infermiere del 118.

Ieri un ragazzo ha dato in escandescenza, nella sua abitazione di Montoro, scagliandosi contro i genitori. In seguito all’intervento dei carabinieri e dei sanitari del 118 il giovane è stato trasportato in ospedale, prima ad Avellino e poi a Solofra. Dopo qualche ora è scappato dal Landolfi ,dove era stato ricoverato al reparto Covid, successivamente rintracciato e stato ricondotto al Landolfi dove ha inveito contro il personale del 118, il giovane ha colpito un infermiere con una ginocchiata e non contento ha provato anche a colpire il personale sanitario con un estintore, durante le fasi concitate è riuscito per la seconda volta a guadagnare la fuga.

LEGGI ANCHE  Covid, 747 positivi i Campania: la percentuale risale all'11,08%

I carabinieri lo hanno inseguito lungo la rampa della superstrada Avellino Salerno dove ha divelto le segnalazioni a bordo dell’arteria stradale per lanciarli sulla corsia. Alla fine il giovane è stato fermato e affidato ai medici mentre l’infermiere è finito al pronto soccorso dell’ospedale Moscati.

Gustavo Gentile


Continua a leggere
Pubblicità

Avellino e Provincia

Restituito pannello maioliche del ‘600 rubato, era da un antiquario

Il ritrovamento è avvenuto durante un’ispezione dei carabinieri dei registri commerciali di un rivenditore di Sorrento

Pubblicato

il

Restituito pannello maioliche del ‘600 rubato: era stato smontato e rubato sette anni fa e poi ritrovato da un antiquario di Sorrento.

Un prezioso pannello maiolicato del ‘600 che raffigura San Michele Arcangelo è stato restituito dai carabinieri del Nucleo di Tutela del Patrimonio Culturale di Napoli al Comune di Contrada.

L’opera era collocata in un’edicola votiva, quando i più devoti al santo si accorsero del furto. Il ritrovamento è avvenuto durante un’ispezione dei carabinieri dei registri commerciali di un rivenditore di Sorrento. Alcuni militati hanno notato un’operazione, regolarmente inserita nel registro di Pubblica Sicurezza, che riportava la descrizione “pannello maiolicato composto da 15 maioliche e di cui una mancante, raffigurante San Michele Arcangelo”.

LEGGI ANCHE  Covid: da domani vaccinazioni negli ospedali del Casertano

Nonostante l’operazione di compravendita fosse datata aprile 2014, stesso mese del furto, i militari sono riusciti a identificare l’ultimo possessore, anch’egli titolare di un esercizio di Sorrento, al quale è stata sequestrata l’opera. Il raffronto con le immagini dell’opera archiviate nella Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti ha consentito di identificare l’opera trafugata.

Continua a leggere

Le Notizie più lette