Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca Napoli

De Magistris annuncia: ‘A Napoli non chiuderemo le piazze e il lungomare nel fine settimana’

Pubblicato

il

de magistris


De Magistris annuncia: “A Napoli non chiuderemo le piazze e il nel fine settimana. Dobbiamo capire se la citta’ e’ davvero ’.

 

Il non chiudera’ il nel fine settimana e spiega: “Noi dobbiamo capire, e questo e’ il dato vero su cui spiace non riuscire ad avere una risposta, se Napoli e’ davvero ”. Cosi’ il sindaco, , a Tagada’ su La7, in merito all’invito del presidente De Luca, ai sindaci a chiudere per il fine settimana i e i centri storici. “Napoli e’ come dicono allora noi dobbiamo adottare i provvedimenti richiesti e nel Dpcm c’e’ scritto che i sindaci possono chiudere determinati luoghi in cui in sede di Comitato per l’Ordine e la sicurezza, quindi con le forze di polizia e l’Asl, vengono individuati assembramenti”, aggiunge.

“Ho chiesto alle forze di polizia, anche attraverso il coinvolgimento delle Asl, di verificare se ci sono specifici e circostanziati luoghi in cui persistono situazioni particolari di assembramento in cui è necessario intervenire, perchè è evidente che essendo la città di Napoli molto vasta non ha senso chiudere solo una piazza perché le persone si riverserebbero altrove, così come è pressoché impossibile chiudere il lungomare data anche la chiusura della Galleria Vittoria. Si rischierebbero ancora di più assembramenti e situazioni complicate”. Ha poi spiegato  de Magistris, al termine della riunione in videoconferenza del Comitato provinciale per l’Ordine e la sicurezza.

Nel corso della riunione, aggiunge quindi de Magistris, è stata constatata “la gravissima pressione che c’è sugli ospedali e in particolare sul 118 con situazioni davvero drammatiche, in alcuni casi di impossibilità a ricevere cura da parte del servizio di emergenza sanitaria; come Comune abbiamo ottenuto un immediato tavolo con il Prefetto perché insieme a Federalberghi, Prefettura e Asl bisogna fare in modo che strutture ricettive della nostra città, attraverso l’individuazione di idonee procedure da decidere insieme, possano ospitare, dietro ristoro da parte degli organi competenti, persone positive asintomatiche o con pochi sintomi o persone che non hanno più necessità di ricovero ospedaliero ma che non possono ancora tornare a casa. E’ un’iniziativa che fa seguito a quella di mettere a disposizione strutture di ospitalità per medici e infermieri”.

Continua a leggere

PUBBLICITA

Cronaca Napoli

Napoli, sequestrati a Gianturco 15mila dispositivi sanitari non a norma

Pubblicato

il

sequestrati a Gianturco 15mila dispositivi sanitari non a norma

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, ha sottoposto a sequestro nella zona industriale del capoluogo, quartiere Gianturco, 14.800 dispositivi sanitari non a norma, pronti per essere messi in vendita.

In particolare, le Fiamme Gialle del 2° Nucleo Operativo Metropolitano hanno riscontrato che tutte le mascherine chirurgiche, erano prive del numero dell’Ente garante della conformità, delle indicazioni commerciali, nonché delle istruzioni obbligatorie in lingua italiana.

Si trattava sia di mascherine chirurgiche sia del tipo “KN95”. Segnalato alla Camera di Commercio il titolare, un 46enne di origine cinese, per violazioni al Codice del Consumo.
L’attività di servizio testimonia il costante impegno della Guardia di Finanza di Napoli nel contrasto agli illeciti nel settore della sicurezza prodotti, finalizzato alla tutela dell’economia legale e della salute dei consumatori.

Continua a leggere

Le Notizie più lette