Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy



Caserta e Provincia

Covid, ad Aversa B&b offre ospitalità gratuita a medici e infermieri

Pubblicato

il

covid,aversa


Covid, ad Aversa B&b offre ospitalità gratuita a medici e infermieri. Borrelli (Europa Verde): “la solidarietà deve vincere sull’egoismo”. La titolare: “Ognuno deve fare nel suo piccolo la propria parte per sconfiggere il virus”

“L’iniziativa dei titolari del Bed and breakfast “Dominik” ad Aversa, in via Presidio n.16, di ospitare gratuitamente medici e infermieri impegnati nell’ospedale “Giuseppe Moscati” e nelle due cliniche presenti è una straordinaria testimonianza di solidarietà. Proprio nel momento in cui il Covid colpisce duramente la nostra regione, ecco che persone come Iolanda Vassallo e suo marito, decidono di fare un gesto importante per vincere questa durissima battaglia contro il virus. Una iniziativa lodevole che spero venga imitata da molti”. Queste le parole del consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli, a cui i titolari si sono rivolti per diffondere l’iniziativa.

“Vogliamo dare il nostro contributo in questa difficilissima situazione  – ha dichiarato Iolanda Vassallo titolre del Bed and breakfast ‘Dominik’ – offrendo ospitalità e un po’ di conforto e benessere ai nostri eroi: i medici e gli infermieri che ci difendono dal Covid nelle corsie dell’ospedale. E che per tutelare la salute delle loro famiglie o per fare fronte a massacranti turni di lavoro sono costretti a restare lontano.  Non molto lontano c’è anche l’ospedale di Giugliano e la nostra struttura è anche a disposizione di chi lavora lì. Stiamo avendo molti riscontri da persone che sui social ci hanno fatto i complimenti e ci aiutano nel passaparola di questa iniziativa. Io sono una psicologa e quotidianamente sento le richieste di aiuto che arrivano dalle persone. A queste richieste di aiuto non si può restare indifferenti e noi faremo la nostra parte, come possiamo. Invitiamo chiunque abbia bisogno di ospitalità a contattarci al numero 3384014128”.

Continua a leggere
Pubblicità

Caserta e Provincia

Pizzo allo stabilimento balneare di Castel Volturno: arrestato uomo dei Bidognetti

Pubblicato

il

Pizzo stabilimento balneare Castel Volturno

Pizzo allo stabilimento balneare di Castel Volturno: arrestato uomo dei Bidognetti.

Questa mattina un uomo, D.D. è stato messo agli arresti domiciliari in provincia di Caserta perché accusato di estorsione ai danni del titolare di uno stabilimento balneare a Castel Volturno . Secondo quanto riferito dalla vittima alle forze dell’ordine l’uomo lo avrebbe avvicinato per indurlo, con minacce implicite, a consegnargli denaro per “mantenere le famiglie dei carcerati”.

La denuncia resa dal titolare dello stabilimento, che si è opposto alle minacce, ha trovato poi conferma nelle dichiarazioni rese da persone considerate informate sui fatti. Nel luglio del 2018, nello stesso stabilimento balneare, era stato ucciso il padre del gestore dopo che si era rifiutato di pagare le cifre richieste da un gruppo criminale.

Quell’omicidio, infatti, come confermato nella sentenza di condanna degli autori materiali e dei mandanti, era espressione di un programma criminale attuato, a detta degli inquirenti, dall’ala ‘stragista’ del gruppo ‘Bidognetti’, organizzazione mafiosa responsabile di diversi omicidi e capeggiata da Giuseppe Setola.

 

Continua a leggere

Caserta e Provincia

Preleva 1000 euro con carte di credito rubate, arrestata al ‘Jambo’

Pubblicato

il

carte di credito

La donna aveva anche acquistato una macchina elettrica per bambini

Donna sorpresa ad utilizzare indebitamente carte di credito e di pagamento all’interno del centro commerciale ‘Jambo’. Bloccata dai carabinieri della stazione di Trentola Ducenta. In manette è finita H. D., 25enne residente a Giugliano in Campania. La donna, già sottoposta alla detenzione domiciliare con permesso di assentarsi, è stata sorpresa dopo aver prelevato presso lo sportello bancomat del centro commerciale la somma di 1000 euro, utilizzando carte di credito risultate provento di furto a Frignano.

Attraverso le stesse carte, H.D. aveva poco prima acquistato anche una macchina elettrica per bambini per un valore di 180 euro. A seguito della perquisizione dell’autovettura in uso alla donna, i militari dell’Arma hanno rinvenuto il portafoglio contenente i documenti di proprietà della vittima. La donna è stata riaccompagnata ai domiciliari, a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

Continua a leggere

Le Notizie più lette