Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca Salerno

In provincia di Salerno 29 multe in una sera

Pubblicità'

Pubblicato

il

salerno multe


Pubblicità'

Controlli intensi per il rispetto delle norme anti-Covid da parte delle forze di polizia e adozione di misure precauzionali per provare ad arginare la diffusione del contagio in vista delle ricorrenze del Primo e due novembre prossimi.

Ieri sera, a Salerno, i carabinieri della locale Compagnia hanno elevato 29 sanzioni amministrative per mancato utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. L’importo totale delle multe ammonta a oltre 18mila euro. Quanto alla prevenzione, l’arcivescovo di Salerno-Campagna-Acerno, monsignor Andrea Bellandi, ha disposto che, domenica e lunedi’ prossimi, non vengano svolte celebrazioni eucaristiche nelle cappelle, ne’ nei cimiteri.”Si ricordi ai fedeli – si legge in una lettera inviata ai sacerdoti – la possibilita’, accordata quest’anno dalla Penitenzieria apostolica, di ricevere l’Indulgenza plenaria, alle condizioni stabilite, non soltanto nei singoli giorni dal 1 all’8 novembre, ma anche in altri giorni dello stesso mese fino al suo termine”. Resta consentito, in accordo con le autorita’ civili ed evitando assembramenti, un rito di benedizione all’interno dei cimiteri.

Al contempo, l’arcivescovo Bellandi fa sapere che celebrera’ alle 18.00 del 2 novembre, in forma privata e a porte chiuse, una messa al cimitero comunale di Salerno, per ricordare tutti i fedeli defunti. Intanto, nel Salernitano, mentre i contagiati dal Covid-19, secondo i dati settimanali dell’Asl, sono diventati oltre 3mila 200 e i ricoverati negli ospedali 52, di cui 4 in terapia intensiva, si registra, nelle ultime ore, anche il decesso di un’anziana che era risultata positiva al virus, ma che era affetta anche da un’altra patologia. Il sindaco di Sala Consilina, Francesco Cavallone, in un post social, ha espresso il cordoglio della comunita’ scrivendo, tra l’altro, che “continueremo questa assurda lotta anche nel tuo nome”. Nel frattempo, a poche ore dall’apertura, il reparto Covid del presidio ospedaliero di Agropoli risulta gia’ molto utilizzato. Stando a quanto riferiscono dal Comune, nella giornata di ieri, cosi’ come anche nella notte scorsa, c’e’ stato un andirivieni di ambulanze per condurvi pazienti provenienti dal Cilento e da altre aree della provincia.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

Da Napoli a Salerno per rubare tabacchi: arrestato 57enne

Pubblicato

il

Da Napoli a Salerno per rubare tabacchi
foto di repertorio

Da Napoli a Salerno per rubare tabacchi: arrestato 57enne.

Nella mattinata di ieri, gli Agenti della Polizia di Stato, in servizio presso la Squadra Mobile della Questura di Salerno hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione di una misura di custodia cautelare, emessa dal Tribunale di Salerno – Sezione Giudice per le Indagini Preliminari, su conforme richiesta della Procura della Repubblica, a carico di Vincenzo Cario, 57 anni di Napoli.

L’ordinanza è stata emessa a seguito delle indagini effettuate dopo la denuncia, presso gli Uffici della Questura di Salerno nel settembre scorso, per il furto di due grandi scatole contenenti tabacchi, nello specifico 129 stecche di sigarette, che si trovavano all’interno dell’auto di A.E., dopo l’acquisto fatto per la propria rivendita di Tabacchi. Quest’ultimo, senza avvedersene, era stato seguito da un’altra autovettura fin nei pressi della propria rivendita sita in Salerno e qui, mentre scaricava il primo dei tre imballaggi dalla propria vettura, due uomini a bordo di una Fiat Panda di colore nero si impossessavano dei restanti pacchi dandosi alla fuga.

A seguito degli accertamenti di p.g. espletati, ricostruita la dinamica dei fatti, veniva acclarato che l’autovettura utilizzata per il furto era stata ripresa dai sistemi di videosorveglianza autostradali e locali. Tale veicolo era stato noleggiato, per i soli tre giorni, utili a commettere il furto, da Vincenzo Cario censurato per reati specifici. Lo stesso, interrogato, aveva fornito una versione dei fatti assolutamente inattendibile.

Pertanto, considerato l’attualità del pericolo, la gravità della violazione e il rischio di recidiva, il GIP del Tribunale di Salerno ha ritenuto necessario per Vincenzo Cario l’applicazione della misura degli arresti domiciliari presso l’abitazione di residenza.

Pubblicità'

Le Notizie più lette